Che cos’è il capodanno gregoriano

Guide

Che cos’è il capodanno gregoriano

L’espressione “Capodanno gregoriano” potrebbe incuriosirci e darci l’idea di una festività oramai non più in uso, ma forse non tutti sanno che il capodanno gregoriano è proprio quello che noi festeggiamo il primo gennaio di ogni anno. Infatti il calendario attualmente in uso è quello introdotto dal Papa Gregorio XIII nel 1582. Fino ad allora era stata usata la convenzione della misura del tempo promossa da Giulio Cesare, con il Calendario denominato “giuliano” che considerava la durata di un anno pari a 365 giorni più sei ore, senza gli anni bisestili, ma nel conteggio degli astronomi Romani c’era un errore per cui ogni 128 giorni veniva accumulato un giorno di ritardo. Nell’anno del passaggio dal calendario giuliano a quello gregoriano, il ritardo che si era accumulato era pari a 10 giorni, che furono recuperati passando dal giovedì 4 ottobre direttamente al 15 ottobre che fu stabilito fosse venerdì per convenzione, rivoluzionando quindi i giorni della settimana così come erano stati considerati fino ad allora.

Quindi, studiando la storia, sicuramente non troveremo mai un evento accaduto il 5 ottobre o il 10 ottobre del 1582!!! Il Papa Gregorio fu spinto a tale passaggio poiché la Chiesa iniziava ad avere problemi nel fissare i giorni della festività di Pasqua, ed il pontefice oltre a tale “recupero” stabilì anche che l’anno fosse di 365 giorni esatti ed introdusse l’anno bisestile. Dopo tale evento, vi fu un lungo periodo in cui il capodanno veniva festeggiato in momenti diversi nelle diverse zone o città, finché circa un secolo dopo Papa Innocenzo XII indicò il primo gennaio come primo giorno dell’anno, per cui gradualmente tutti si uniformarono a tale prescrizione festeggiando il capodanno nel medesimo istante.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*