Che cos’è la CISL? COMMENTA  

Che cos’è la CISL? COMMENTA  

La CISL (Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori) nasce a Roma il 30 Aprile 1950, nel 2013 sono stati festeggiati i 60 anni della sua nascita.  L’obiettivo principale della Cisl, all’atto della sua fondazione, era quello di dare vita ad un sindacato nuovo che fosse in grado di respingere “un sindacalismo fondato, ispirato e diretto da correnti politiche e ideologiche” e che tenesse in conto le effettive esigenze dei lavoratori italiani. Il progetto di realizzare una Confederazione sindacale era già vivo mentre Roma veniva occupata dall’esercito tedesco e durante la Repubblica sociale instaurata da Benito Mussolini. Oggi la Cisl vanta circa quattro milioni di iscritti tra i lavoratori italiani di diverse categorie, ed è così organizzata: da una parte vi sono le strutture di categoria (c.d. “verticali”), dall’altra vi è una struttura “orizzontale” a cui fanno capo tutte le categorie professionali. Le strutture organizzative Cisl si articolano così: il luogo di lavoro, la Regione, il territorio e il livello nazionale.


Oltre alle Rsu (rappresentanze sindacali unitarie) la Cisl ha creato le Sas (Sezioni aziendali sindacali) che hanno il compito di rappresentare il sindacato nei luoghi di lavoro.

A livello nazionale gli Organismi vengono di solito eletti ogni quattro anni nei Congressi che si tengono nei vari livelli organizzativi, secondo alcuni criteri. Partecipando ai Congressi i singoli lavoratori possono contribuire alle scelte politiche della Confederazione, seguendo regole democratiche di elezione dei componenti.

Lo Statuto confederale fissa regole formali per l’elezione e il funzionamento degli organismi. Nel 2013 è stata introdotta anche la Usi (Unione sindacale interregionale).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*