Che cos’è la colite ulcerosa? COMMENTA  

Che cos’è la colite ulcerosa? COMMENTA  

 

Il giocatore del Manchester United Darren Fletcher si è preso una lunga pausa lavorativa a causa della  colite ulcerosa che l’ha colpito. Il Dottor  Ian Arnott, specialista in colite ulcerosa, gastroenterologo presso il Western General Hospital in Edinburgo e direttore associato del Royal College of Physicians inglese, ci parla del problema.


La colite ulcerosa è un disturbo che può davvero causare cattive condizioni a chi ne è affetto, come indebolimento, spossatezza, frustrazione. Può completamente cambiare le abitudini di vita di un essere umano. Causa diarrea continua e per questo motivo l’impossibilità di chi ne è affetto ad allontanarsi da casa; è quindi causa di imbarazzo e difficoltà della persona a parlarne con altri. Si tratta di una malattia infiammatoria cronica, che colpisce l’intestino crasso, il retto e anche il colon. I  sintomi più comuni sono diarrea, perdite di sangue e di mucose, dolori addominali, affaticamento e sudorazione notturna. Si possono avere periodi di momentanei miglioramenti e sensazioni di normalità fin a qualche anno, e cattivi periodi in cui si è costretti ad andare al bagno da sei a otto volte al giorno, inluse due o tre volte a notte.


Il morbo di Chron è simile alla colite ulcerosa, ma intacca altri tratti del tubo digerente. Entrambi i disturbi sono chiamati malattie infiammatorie intestinali (MII). In Inghilterra una persona su 200 ha sviluppato una MII, sono quindi circa 300,000 persone ad essere affette da questo disturbo.


Esistono dei farmaci curativi per la colite ulcerosa, ma in casi estremi è necessario l’intervento chirurgico che consiste nell’asporto del colon e nell’applicazione di sacchetti  contenitori per le feci. Le cause sono quasi sconosciute, a volte il disturbo è genetico, ma non è escluso che esistano cause ancora non conosciute provenienti dall’ambiente, dal cibo, dallo stress o anche dall’inquinamento.

L'articolo prosegue subito dopo


 

 

 

 

 

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*