Che cos’è la gestosi?

Guide

Che cos’è la gestosi?

La gestosi è una grave complicazione della gravidanza, una malattia tipica che colpisce le donne in stato interessante e che, soprattutto in passato, ha avuto conseguenze tragiche per la madre e il bambino. Oggi è possibile prevenire e curare la gestosi, individuandola sul nascere attraverso controlli medici e approfondite analisi clinica. Come succede per altre malattie, se presa in tempo la cura è semplice e non vi sono conseguenze per la mamma e il nascituro; se trascurata, invece, può portare entrambi alla morte.

I sintomi della gestosi

Come accorgersi del sopraggiungere della gestosi mentre si è in gravidanza? Di solito tale patologia si manifesta con quattro sintomi che possono comparire anche separatamente: l’aumento del tasso di albumina nelle urine (in gravidanza l’analisi delle urine va ripetuta ogni mese), un incremento eccessivo di peso, soprattutto tra il settimo e l’ottavo mese di gestazione; la comparsa di edemi sul viso, sulle mani, nella regione lombosacrale e agli arti inferiori; l’ipertensione arteriosa, cioè un aumento della pressione sanguigna al di fuori della norma.

Se non si interviene tempestivamente, la gestosi può portare due gravi complicazioni: l’eclampsia e il distacco della placenta.

L’eclampsia è caratterizzata da attacchi convulsivi, simili a quelli epilettici, che possono portare la donna al coma, e persino alla morte, con la conseguente morte del feto. Se invece si distacca la placenta, è il bambino che rischia di morire, a meno che non si possa provocare immediatamente il parto.

Le cause della gestosi

Le cause che possono determinare la gestosi sono tuttora ignote, sono stati individuati però alcuni fattori che sembrano favorire l’insorgenza di questa malattia. Essi sono: l’alimentazione della gestante troppo ricca di sali e grassi; insufficienze gravi si alcuni organi materni (reni, fegato, ecc.); condizioni ambientali e climatiche sfavorevoli.

Nei casi più lievi, a cura per la gestosi consiste nel riposo assoluto, sia fisico che mentale, e in una dieta povera di sale e grassi. Nelle forme più gravi la donna necessita di un ricovero, anche lungo, in ospedale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...