Che cos’è la medicina narrativa?

Guide

Che cos’è la medicina narrativa?

Il rapporto medico-paziente va rivalutato, perché il primo possa svolgere bene il suo lavoro e il secondo sentirsi assistito al meglio. La medicina alternativa è un insieme di competenze comunicative, che dovrebbe riguardare tutti i professionisti coinvolti nella cura. In pratica, si tratta di recuperare la capacità di ascoltare i malati, comprendendo e valorizzando il significato della loro storia, e agire cogliendo anche il loro punto di vista.

Negli ultimi anni nella pratica clinica ci si è orientati sempre di più verso una medicina centrata sul paziente. La medicina narrativa può essere quindi considerata un “ritorno alle origini”, ai tempi di Ippocrate, un recupero del malato come persona. Tale disciplina, quindi, promuove la centralità del malato nei processi di assistenza e cura, sottolineando il suo ruolo e la sua importanza nelle scelte terapeutiche e la sua autonomia decisionale nel partecipare consapevolmente alla gestione delle cure.

La narrazione consente ai pazienti di esprimere il proprio punto di vista.

Ascoltarli, dare voce a chi soffre, significa restituire loro dignità, favorirne la partecipazione in modo attivo e non solo “subendo” un cura.

Insomma, un cittadino sempre più attivo che faccia sentire la sua voce. Questo è uno degli obiettivi che l’Organizzazione Mondiale della Sanità si è prefissata per “Health 2020”, la strategia politica sanitaria approvata dai 53 Paesi facenti parte dell’Oms. La medicina narrativa offre l’opportunità di pensare e affrontare la malattia da un’ottica nuova. In pratica, non esclusivamente in termini di “disease” (conoscenze cliniche del medico), ma anche come “illness” (vissuto soggettivo del malato) e “sickness” (percezione sociale della malattia).

Lo scopo della medicina narrativa, di cui si è cominciato a parlare dalla fine degli anni Novanta, si è tradotto in un documento reale “La carta dell’ascolto e della partecipazione del paziente” che, oltre al Governo italiano, vede la partecipazione delle associazioni legate alle malattie rare. L’obiettivo è quello di promuovere metodologie, strumenti e servizi della medicina alternativa come complemento di quella tradizionale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*