Che cos’è lo spotting?

Guide

Che cos’è lo spotting?

Il termine “spotting” deriva dall’inglese “to spot”, che significa “macchiare”. Indica piccole perdite scure di sangue fra un ciclo mestruale e l’altro, solitamente durante l’ovulazione, ma il fenomeno può anche verificarsi qualche giorno prima del ciclo o in quelli successivi.

Le cause che lo provocano possono essere di due tipi: disfunzionali e organiche. Rientrano nel primo gruppo le alterazioni ormonali, lo stress, il sovrappeso, il sottoporsi a diete drastiche o l’avere disturbi del comportamento alimentare, come bulimia o anoressia, l’utilizzo di pillole anticoncezionali o della spirale.

Fra le cause organiche, invece, ci sono la presenza di cisti ovariche, infiammazioni della vagina, endometriosi, vaginiti o lesioni precancerose o tumorali. Rientrano in questo gruppo anche i polipi endometri ali, più frequenti dopo i 40 anni a causa dell’irregolare equilibrio tra estrogeni e progesterone, che in tempi molto lunghi potrebbero trasformarsi in forme maligne, per cui è importante asportarli al più presto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*