Che cos’è ravvedimento breve pagamento Irpef in ritardo

Guide

Che cos’è ravvedimento breve pagamento Irpef in ritardo

IMU: IN FORSE IRPEF SECONDE CASE, P.CHIGI SMENTISCE AGGRAVIO

Avete dimenticato di pagare l’Irpef oppure avete commesso qualche errore in fase di calcolo, e ora siete nel panico? Niente paura, si può sempre rimediare, grazie all’istituto giuridico finalizzato alla regolarizzazione degli errori o illeciti fiscali, regolato dal D.Lgs. 472 del 18 dicembre 1997.

Ma andiamo a vedere le tempistiche e le more da pagare: i contribuenti che sanano il proprio debito entro il 14° giorno successivo alla scadenza potranno applicare il cosiddetto ravvedimento sprint, regolarizzando il pagamento dell’imposta, con gli interessi calcolati al tasso legale dell’1% annuo dal primo giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato, applicando la sanzione in misura pari allo 0,2% per ogni giorno di ritardo.

Coloro che saneranno l’omesso versamento tra il 15° e il 30° giorno successivo alla scadenza potranno avvalersi del ravvedimento breve, pagando una sanzione del 3% oltre agli interessi legali pari all’1% annuo.

Infine, i contribuenti che pagano oltre il 30° giorno dalla scadenza potranno utilizzare invece il cosiddetto ravvedimento lungo, con una sanzione applicata del 3,75% oltre agli interessi legali pari all’1% annuo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*