Che cos’è reato di ricettazione COMMENTA  

Che cos’è reato di ricettazione COMMENTA  

Al Libro Secondo, Titolo XIII, Capo II del codice penale, all’art 648, si parla del reato di ricettazione, che dunque viene incluso tra i reati contro il patrimonio mediante frode.

Il reato di ricettazione infatti si configura nel momento in cui un soggetto acquisti, riceva o comunque accetti denaro, o beni di altra natura, che derivano da un’azione illegale o fraudolenta, consapevole della loro provenienza.

Si macchia dunque di una colpa che può essere punita, sempre in base a quanto stabilito dal codice penale, con una reclusione che va da un minimo di due ad un massimo di otto anni. Al carcere si accompagna una pena pecuniaria, il cui ammontare può essere compreso tra gli importi di € 516,00 ed € 10.329,00.


La pena si aggrava, nel momento in cui il furto o l’azione illegale da cui derivano i proventi in questione sia di particolare gravità, come ad esempio estorsione o furto aggravato.

Si attenua invece nell’opzione contraria, ovvero che il reato da cui provengono i beni non sia di particolare entità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*