Che lingua si parla a Malta

Cultura

Che lingua si parla a Malta

lingue di Malta

A Malta si parla il maltese, l'inglese e l'italiano. Vediamo quali influenze storiche hanno portato allo sviluppo di queste lingue.

Ufficialmente le lingue di Malta sono il maltese e l’inglese. Vediamo quali sono le ragioni storiche che hanno portato al loro sviluppo indagando sulla storia dell’isola.

Storia di Malta

Malta è un arcipelago situato nel mar mediterraneo, più precisamente nel canale di Malta e rientra nella regione fisica dell’Italia. E’ uno degli stati più piccoli del mondo e uno tra i più densamente popolati. Grazie alla sua posizione strategica molto importante è stata la terra di conquista di numerosi popoli. I primi a conquistare Malta furono i Fenici, seguiti dai Greci, da Cartagine e dai Romani.

A seguito del dominio bizantino durato fino al IX secolo Malta fu conquistata dagli arabi, intorno al 870. La dominazione araba fu molto importante perché eliminò tutti gli abitanti originari dell’arcipelago e introdussero numerose innovazioni nell’agricoltura. La lingua araba fu adottata dalla popolazione come lingua principale ed è possibile, per questo, riscontrare delle influenze nella lingua maltese.

A seguito della dominazione araba furono i normanni di Sicilia ad occupare l’arcipelago per alcuni secoli istituendo la nobiltà maltese con 32 titoli nobiliari che permangono fino ad oggi. Fino al 1500 si susseguirono gli Svevi, gli Angioini e gli Aragonesi a dominare Malta. Nel 1530 il Regno di Sicilia concedette in prestito Malta ad un ordine monastico militare i Cavalieri Ospitalieri in fuga da Rodi che divennero poi i cavalieri di Malta, un ordine conosciuto ancora oggi. Furono loro a fortificare la città principale La Valletta, e tutta l’isola per difendersi dagli attacchi dei Turchi.

Il dominio dei cavalieri durò a Malta fino al 1798 quando Napoleone decise di impossessarsi dell’isola per farne un centro di smistamento e di rifornimento per le truppe francesi dirette verso l’Egitto. Il dominio francese non durò molto ma ebbe un’importante influenza sulla lingua maltese. Gli abitanti dell’isola non gradivano le truppe francesi e agli inizi del 1800 decisero di ribellarsi trovando l’appoggio degli inglesi e del Regno di Sicilia.

Ottenuta la liberazione dai francesi Malta divenne nel 1814 domino inglese annessa all’Impero britannico, utilizzata per la posizione strategica a metà strada con l’Egitto e le Indie orientali. Nel corso del ‘900 ci furono rapporti molto difficili tra i maltesi e la corona inglese perché nacquero alcuni movimenti di liberazione. Alcuni di questi si rivolgevano all’Italia come madrepatria chiedendo di essere annessi allo Stato italiano. Un episodio è rimasta nella storia di Malta, commemorato come festa nazionale. Il 7 Giugno del 1919 le truppe britanniche spararono su un corteo di maltesi che protestava contro la richiesta di nuove tasse. Durante il fascismo in Italia l’Inghilterra decise di proibire la lingua italiana a Malta, che era diventata una delle lingue più parlate. L’italiano, ancora oggi, è ampiamente parlato a Malta grazie ai rapporti continui tra i due paesi. Solo nel 1964, la Gran Bretagna decise di permettere l’indipendenza di Malta che rimase però sotto il Commonwealth ancora per 10 anni, avendo come capo dello Stato ancora il monarca inglese.

Nel 1974 Malta divenne una repubblica e nel 2003 aderì all’Unione Europea.

Le lingue di Malta

Tra le lingue di Malta il Maltese è la lingua più parlata. E’ una lingua di origine semitica scritta in alfabeto latino ed è la lingua nazionale di Malta. Nel corso dei secoli ha incorporato molte parole derivate da inglese, italiano e francese. Forte è stata l’influenza siciliana sia per la vicinanza geografica sia per alcune ragioni storiche, come abbiamo spiegato sopra. Nel 1936 gli inglesi sostituirono il maltese all’italiano come lingua nazionale. Ciò è dovuto alla volontà inglese di de italianizzare il più possibile l’isola durante il fascismo. Malta è l’unica nazione europea in cui viene parlata una lingua semitica.

La lingua maltese è una fonte di fascino per i visitatori e i linguisti. I maltesi parlano una lingua unica, Malti, la sola lingua semitica scritta in caratteri latini. Attraverso i secoli, molte parole straniere, in particolare dall’inglese e dall’italiano, sono diventate parte del linguaggio.

La prima prova scritta in maltese è una ballata di Pietro Caxaro, datata nel 1485. Per i non madrelingua che cercano di imparare Malti, il suono più difficile da imparare è simile alla quella araba. Se siete interessati a saperne di più, scuole maltesi sulle isole eseguono corsi di maltese per i non madrelingua.

Tra le lingue di Malta la seconda in ordine di importanza è l’inglese, che è anche una delle lingue ufficiali, ampiamente parlata ed è la lingua del business internazionale. Si stima che sia parlata dall’88 % dei maltesi. I documenti governativi sono redatti sia in maltese che in inglese. L’inglese parlato a Malta è molto influenzato dall’italiano, sia nel lessico, sia nella fonologia. Per questo si può ascoltare un inglese molto accentato.
Anche l’italiano è una delle lingue di Malta ampiamente parlata dai maltesi. Si stima che il 66% dei maltesi parli l’italiano grazie a motivi storici ma anche all’influenza dei numerosi turisti che popolano l’isola, all’insegnamento non obbligatorio a scuola e alla possibilità di vedere i canali italiani in televisione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

lingue ufficiali in Svizzera
Cultura

Che lingua si parla in Svizzera

19 ottobre 2017 di Notizie

I 26 cantoni autonomi in Svizzera hanno ognuno una propria lingua ufficiale. Quale sarà allora la lingua nazionale dello Stato elvetico? Andiamo a scoprirlo.