Chester Bennington 36 ore prima del suicidio. Il video postato dalla moglie

Chester Bennington 36 ore prima del suicidio. Il video postato dalla moglie

Musica

Chester Bennington 36 ore prima del suicidio. Il video postato dalla moglie

Chester Bennington

La moglie di Chester Bennington ha postato su Twitter un piccolo video girato 36 ore prima che il cantante si togliesse la vita.

La depressione

Chester Bennington era famoso in tutto il mondo come il cantante dei Linkin Park, una rock band che ha spaziato tra varie correnti ma è rimasta sempre a galla. Il boom vero e proprio c’è stato alla fine degli anni ’90 e agli inizi del 2000, ma i Linkin Park non hanno mai smesso di vendere dischi e di fare concerti. Si potrebbe pensare che il leader di una band così proficua e famosa, tra l’altro con una moglie e dei figli che lo amavano alla follia, non potesse essere altro che felice. Ma la felicità non è facile da ottenere. Chester Bennington dai 7 ai 13 anni venne molestato sessualmente da un ragazzo; iniziò a fumare marijuana a soli 11 anni ed era solo il primo passo verso l’uso di droghe molto più pesanti. La depressione che portava da sempre con sé lo travolse del tutto alla notizia del suicidio del suo amico più caro, Chris Cornell, anche lui cantante dei Soundgarden e degli Audioslave.

Il suicidio

Il 20 luglio, giorno del compleanno defunto amico Chriss Cornell, Chester Bennington decise di togliersi la vita. Non possiamo sapere quanto fosse pesante vivere la sua vita, fatta esternamente di successi e di amore, con un peso dentro che non accennava a scomparire.

E’, purtroppo, quanto accade a tutti quelli malati di depressione: esternamente sembrano condurre una vita normale, ma dentro si sento già svuotati di ogni senso. Il vuoto di Chester Bennington è stato più forte di lui e l’ha spinto al suicidio. Un dolore sconvolgente per tutti: per i membri dei Linkin Park, per i fan ma ovviamente per la moglie e per i figli. Come spesso accade, nonostante la depressione Chester viveva in famiglia con i suoi figli come un buon padre. Un video postato di recente su Twitter da Talinda Bennington, moglie di Chester, lo mostra 36 ore prima che compisse l’insano gesto. Le immagini commuovono al pensiero di cosa sarebbe accaduto dopo.

Il video

Lo vediamo con le sopracciglia corrucciate, sbuffante, con accanto suo figlio. Ma non è nulla di tragico, anzi: tutta scena perché lui e il figlio stanno giocando, sono in squadra contro la moglie e hanno perso.

Tocca pagare penitenza: dovranno mangiare delle caramelline dal gusto orrendo. Mettono in bocca le caramelle e subito Chester Bennington sputa, tossisce, fa smorfie; il figlio imita il padre. E’ solo un gioco e si stanno divertendo tanto. Ridono, scherzano insieme, tutto come una vera famiglia che si sta godendo un po’ di relax serale. Sul video Talinda ha scritto “Ecco come appariva a noi la depressione solo 36 ore prima della sua morte. Ci amava così tanto e noi amavamo lui.” Questo per dimostrare come avrebbero mai potuto solo lontanamente immaginare quali fossero le intenzioni di Chester Bennington. Ora Talinda Bennington sostiene ogni tipo di iniziativa contro la depressione, per debellare il mostro che ha portato via il suo amato marito.

Il video:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche