Chi è François Michelin COMMENTA  

Chi è François Michelin COMMENTA  

Si è spento lo scorso 29 aprile, all’età di 88 anni, François Michelin grande pioniere dell’imprenditoria d’altri tempi.

Nacque nel 1926 a Clermon-Ferrand e dall’età di 10 anni visse con la nonna e la zia che lo indirizzarono verso un istruzione cattolica.

Si laureò alla Facoltà di Scienze di Parigi dopo i primi studi classici per poi scegliere di lavorare in incognito nell’azienda di famiglia per ben quattro anni, partendo dal ruolo di semplice operaio.

Una volta prese in mano le redini dell’azienda, François riesumò un progetto, brevettato ma mai messo in produzione, di un pneumatico radiale.

I dirigenti dell’epoca pensavano che la maggiore solidità di questi pneumatici avrebbe avuto un effetto negativo sul volume degli affari poiché la loro maggiore durata avrebbe ridotto la necessità di sostituirli, François però ragionò a lungo termine e la sua determinazione lo portò ad avere la meglio.

Venne così lanciato il pneumatico che avrebbe in seguito permesso alla Michelin di godere di un grosso vantaggio strategico e di diventare leader nel settore in Europa.

Negli anni settanta però, anche alla Michelin furono inevitabili i primi licenziamenti a causa della crisi petrolifera che portò, tra le altre cose, a un crollo della domanda mondiale di pneumatici.

All’epoca presidente, a causa del suo essere profondamente cristiano François visse quei licenziamenti come un caso di coscienza che lo mise in forte crisi.

Lentamente però riuscì a reagire e ad adattarsi alla nuova globalizzazione attuando anche importanti investimenti negli Stati Uniti e in altri paesi che portarono all’apertura di 25 stabilimenti fuori dalla Francia.

Nel 1976, Francois Michelin prese anche la decisione strategica di uscire dal business dell’auto vendendo la Citroen a Peugeot, fusione che portò alla nascita di Psa Peugeot-Citroen, seconda casa automobilistica europea dopo Volkswagen.

Nel 1990 decise invece di acquisire la Uniroyal Goodrich Tire per rafforzare la sua presenza sul mercato americano e rese inoltre nota la Michelin per le guide a ristoranti e alberghi.

Uomo schivo e riservato, non ha mai concesso interviste salvo ai giornali locali di Clermont-Ferrand, sua città natale e non ha mai presieduto alle riunioni annuali dell’assemblea societaria, né accettato premi o inviti pubblici salvo il titolo di Cavaliere e la “Legion d’Onore” nel 2009.

La sua prova più dura però fu la morte nel 2006, per un incidente in barca, del figlio Edouard, succedutogli alla guida dell’azienda nel 1999.

Gli ultimi anni della sua vita li visse in una residenza per pensionati guidati da un’istituzione religiosa: le Petites Soeurs de Pauvres.

Leggi anche

parabola
Guide

Spostare la parabola Sky: come fare

Alcuni consigli utili per orientare la parabola di Sky in maniera corretta. Che possediate una parabola Sky tradizionale, oppure una parabola rettangolare e piatta (magari di quelle decorabili), il problema per voi, non appena acquistata, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*