Chi è Michela Marzano vincitrice Premio Bancarella 2014 COMMENTA  

Chi è Michela Marzano vincitrice Premio Bancarella 2014 COMMENTA  

Il 21 luglio 2014 è stato assegnato il Premio Bancarella, il prestigioso premio letterario che si svolge annualmente a Pontremoli, cittadina della Toscana, e giunto alla sua sessantaduesima edizione.

Leggi anche: Gli spettacoli dell’estate 2007 promossi dalla Provincia di Napoli


Quest’anno a vincere è stata Michela Marzano, con il suo libro “L’amore è tutto: è tutto ciò che so dell’amore” edito dalla UTET.

La Marzano è nata a Roma nel 1970, è filosofa, professoressa universitaria e politica del Partito Democratico. Attualmente risiede in Francia, dove insegna all’Università di Parigi.

Leggi anche: Le immagini dello sport in mostra a Trastevere


La sua formazione si è svolta presso la scuola Normale di Pisa, e in seguito ha conseguito delle specializzazioni anche presso l’Università La Sapienza di Roma. Ha pubblicato molti libri, sempre incentrando la sua ricerca filosofica sull’essere umano in quanto tale, in quanto creatura fatta di carne, e mossa da pulsioni sentimentali.


Nel romanzo con cui ha vinto il Premio Bancarella, la Marzano racconta la sua storia personale, passata attraverso una malattia insidiosa e subdola quale l’anoressia.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Leggi anche

PRESEPE.
Guide

Presepe fai da te: consigli

A quale periodo risale il presepe? Cosa significa la parola "presepe"? Scopriamo insieme come allestire un presepe fai da te. "Presepe" è una parola latina che significa "luogo recintato" ed è il termine per definire la rappresentazione della nascita di Gesù Cristo nella mangiatoia, circondato da Giuseppe e maria, il bue e l'asinello, i pastori e i Re Magi. La scena della nascita di Gesù è chiamata anche "Natività". La rappresentazione della nascita di Gesù ha origini antichissime e la troviamo già nelle vecchie catacombe dove i primi Cristiani si nascondevano per scappare alle persecuzioni da parte degli imperatori romani Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*