Chi era Emanuela Orlandi COMMENTA  

Chi era Emanuela Orlandi COMMENTA  

Emanuela Orlandi era una ragazzina di 15 anni, cittadina vaticana, scomparsa misteriosamente il 22 Giugno del 1983. Da allora non si seppe più nulla. La sua scomparsa divenne presto uno dei più famosi cold case italiani, in quanto tutt’ora non è emerso alcun indizio, o prova, che possa far luce sulla reale fine di Emanuela.

Leggi anche: Che co’è lo Ior?

Alla scomparsa della quindicenne, fu legato il caso di una sua coetanea scomparsa un mese prima, quello di Mirella Gregori. Emanuela, all’epoca della scomparsa, abitava nel piccolo stato del Vaticano assieme alla sua famiglia, era la penultima di quattro fratelli.

Leggi anche: Scandalo Vaticano: scaricati film porno su pc

Frequentava il Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II ed era inoltre studentessa di pianoforte, flauto traverso, canto corale e solfeggio presso una scuola di musica sita in Piazza Sant’Apollinare.

La ragazzina scomparve nel nulla proprio dopo aver seguito una lezione presso tale istituto. Nel corso degli anni sono stati numerosi i casi di depistaggio che hanno allontanato le indagini dalla verità dei fatti.

L'articolo prosegue subito dopo

Ad inizio Maggio 2015, per mancanza di prove e di riscontri concreti, la procura di Roma ha deciso di archiviare il caso.

Leggi anche

Dropbox: come funziona e download
Guide

Dropbox: come funziona e download

Condividere file tra diversi dispositivi non è mai stato così facile: piccola guida per capire come funziona Dropbox e dove si scarica Dropbox è il servizio di cloud storage più noti nel mondo. Un servizio che ti permette di disporre di uno spazio iniziale gratuito all’interno del quale poter inserire e condividere dei file. Un servizio che – dunque – è estremamente utile anche e soprattutto grazie alla sua facilità di fruizione, ha conquistato centinaia di milioni di utenti in tutto il mondo. Come iniziare ad usare Dropbox Innanzitutto bisogna iscriversi al servizio è scaricarlo. Basta registrarsi al portale web del servizio (dropbox.com) e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*