Chi era Rutger Gunnarsson COMMENTA  

Chi era Rutger Gunnarsson COMMENTA  

Rutger Gunnarsson nacque in Svezia nel 1946 e nel tempo si affermò come musicista arrangiatore, chitarrista e bassista, nonché produttore musicale. Ventenne, incontrò Björn Ulvaeus con il quale cominciò la carriera con il gruppo di musica folk Hootenanny Singers prima di passare alla band che gli diede fama e successo: gli Abba. Partecipando all’Eurovision contest con la canzone “Waterloo”, gli Abba vinsero il concorso canoro e si imposero inaspettatamente sulla ribalta internazionale, sfondando a livello mondiale ed entrando nelle classifiche americane. In breve il gruppo di Gunnarsson divenne una delle band più seguite nel panorama pop degli anni Settanta.


Lo stile riconoscibilissimo di Gunnarsson nelle parti del basso lo rese molto apprezzato in pezzi memorabili come “Dancing Queen” e “Money, Money, Money”. Arrangiò le parti per chitarra, basso e ottoni nei vari album. La carriera di Gunnarsson con gli Abba durò per tutto il tempo dell’attività del gruppo, partecipando alla composizione e all’esecuzione in studio e dal vivo di tutti gli album.


La band svedese interruppe l’attività nel 1985, dopo otto dischi, tuttavia Gunnarsson continuò a lavorare nel mondo della musica. Come arrangiatore e compositore si dedicò ad altre produzioni musicali di livello mondiale, quali alcuni dei musical più rinomati delle ultimi anni. Tra i titoli importanti vanno ricordati Les Misérables, tratto dall’omonimo libro di Victor Hugo e affermatosi come uno dei musical più longevi nel West End londinese dal 1985 a oggi, e Mamma Mia!, con le canzoni degli Abba e dal quale è stato tratto il film con Meryl Streep. È da ricordare la partecipazione di Gunnarson alla colonna sonora del film “Spiderman 2” con un brano. Arrangiatore molto apprezzato suonò anche con artisti internazionali, come dimostra la collaborazione decennale con Celine Dion.


Sulla pagina Facebook degli Abba si legge un ricordo commosso del collega ed amico, morto l’8 maggio, che lascia affranti i tre figli e tutta la comunità internazionale di artisti e fan.

Leggi anche

About Valeria 66 Articoli
traduttrice; lingue di lavoro: inglese, francese, tedesco

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*