Chi ha scritto l’art. 7 della Costituzione Italiana? COMMENTA  

Chi ha scritto l’art. 7 della Costituzione Italiana? COMMENTA  

La Costituzione Italiana è stata scritta nel 1948 e tra i principi fondamentali contempla quello del riconoscimento alla Chiesa dell’indipendenza e della sovranità nell’ambito dell’ordine puramente spirituale. Il testo dell’art. 7 Cost. recita così: “Lo Stato e la Chiesa Cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani. I loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi. Le modificazioni dei Patti accettate dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale”. La norma esprime un concetto importante: lo Stato riconosce la competenza esclusiva della Chiesa cattolica in quelle materie identificate e comprese nei Patti Lateranensi. Questi sono in pratica degli accordi sanciti tra Stato Italiano e Chiesa nel 1929 che stabiliscono la pacificazione dei rapporti tra lo Stato italiano e la Chiesa cattolica, riconoscendo a quest’ultima la condizione di Stato nell’ambito del proprio territorio sovrano (i Palazzi del Vaticano).

I Patti Lateranensi sono stati revisionati nel 1984 in alcuni aspetti fondamentali. In questo modo si è operata una “costituzionalizzazione” degli accordi, che sono stati resi compatibili con il dettato costituzionale. La revisione dei patti Lateranensi non ha richiesto il procedimento ex art. 138 della Costituzione, poiché si è svolta in accordo tra lo Stato italiano (rappresentato in quella circostanza dal Presidente del Consiglio Bettino Craxi) e la Santa Sede (rappresentata invece dalla Conferenza Episcopale Italiana). La Costituzione italiana è stata discussa, approvata nei suoi articoli e approvata infine dai partecipanti all’Assemblea Costituente.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*