Chi sono i Casalesi COMMENTA  

Chi sono i Casalesi COMMENTA  

Il clan dei Casalesi, che prende il nome dalla città di Casal di Principe in provincia di Napoli, è stato descritto come il successore della famiglia Corleone, che ha governato la Sicilia nel 1980.

Leggi anche: Perché Saviano è testimone contro i Casalesi

Francesco Schiavone, il capo del clan, ora passerà il resto della sua vita in prigione dopo essere stato condannato con successo.

Schiavone è soprannominato Sandokan, dopo una popolare serie televisiva anni 1970 interpretata da Kabir Bedi.

Leggi anche: Giochi d’azzardo, Carabinieri fermano business dei casalesi


Nel corso della prova iniziale e l’appello, cinque persone coinvolte nel caso sono stati assassinati dal clan, tra cui un interprete. Un giudice e due giornalisti sono stati minacciati di morte durante le audizioni.


Qualsiasi azienda che vuole aprire nella zona è controllata dal clan. Il clan si crede di aver costruito le parti della autostrada tra Roma e Napoli e persino il carcere di Santa Maria Capua Vetere, in cui molti dei suoi membri sono ora detenuti.

L'articolo prosegue subito dopo


Nel 1996 e nel 1997, circa 400 milioni di EUR sono stati confiscati ai Casalesi.

Il clan dei casalesi (anche se si preferisce parlare di Confederazione) opera nella quasi totalità della provincia di Caserta, in particolare nell’agro aversano, in tutta la zona detta dei “mazzoni” (Cancello ed Arnone, Grazzanise e Santa Maria La Fossa) sul litorale domizio facente parte del comune di Castelvolturno compreso il cosiddetto Villaggio Coppola. In realtà i Casalesi detengono il controllo di tutto il territorio dall’area metropolitana di Napoli a nord di Giugliano, arrivando fino al Basso Lazio. Gli interessi economici dei casalesi sono da diversi anni estesi anche nel nord italia, e in alcune città in particolare come Milano, Modena e Roma; evitando di mettersi in contrasto con Cosa Nostra e ‘Ndrangheta, che puntano maggiormente sul traffico di droga, sono riusciti a ritagliarsi uno spazio come imprenditori.[9] A quanto risulta dalle dichiarazioni dell’Antimafia, l’egemonia dei casalesi si sta estendendo anche sul piano degli stupefacenti e sarebbero arrivati a impostare anche i prezzi dei prodotti cinesi.

Leggi anche

babbo natale
Guide

Come sopravvivere al pranzo di Natale

Ecco come fare a sopravvivere al pranzo di Natale, nonostante le domande incalzanti dei parenti e le quantità industriali di cibo.   Manca davvero poco alle festività natalizie e in molti si staranno domandando come sopravvivere al pranzo di Natale. Cibo in quantità industriali, domande impertinenti dei parenti, e bambini che piangono e urlano in ogni angolo della casa. Non temete! Questo articolo vi consiglierà come comportarvi per sottrarvi a queste torture. Per prima cosa cercate di evitare le discussioni private a tavola, cercando di cambiare discorso quando uno dei parenti vi incalzerà con domande inopportune. Inoltre è assolutamente vietato Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*