Chiesta l’abolizione della pena di morte in Tunisia COMMENTA  

Chiesta l’abolizione della pena di morte in Tunisia COMMENTA  


L’Associazione di Lotta contro la Tortura in Tunisia (Altt), presieduta dall’avvocato Radhia Nasraoui, sollecita il governo per l’abolizione della pena di morte, non applicata da molti anni ma sempre presente nel Codice penale tunisino.

Attualmente sono 93 i condannati a morte detenuti nelle carceri tunisine. Le ultime esecuzioni, per impiccagione, risalgono al 1990. Lo rende noto il settimanale francofono Tunis Hebdo.(leggi http://ansamed.ansa.it/ansamed/it/notizie/rubriche/cronaca/2012/01/09/visualizza_new.html_41579080.html).

Sembrano esserci buone notizie sul fronte della lotta alla pena di morte negli Stati che ancora prevedono questo tipo di pena estrema.

(leggi http://www.adnkronos.com/IGN/News/Cronaca/Diritti-umani-ecco-le-buone-notizie-2011-Ce-anche-lItalia-con-stop-a-sgombero-Rom_312806511284.html).

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*