Chievo-Milan: le probabili formazioni COMMENTA  

Chievo-Milan: le probabili formazioni COMMENTA  

Provare a rialzarsi nella Fatal Verona non è esattamente quanto di meglio speravano i tifosi rossoneri, soprattutto quelli più “maturi”, ma hai visto mai che per la legge dei grandi numeri in quello stesso stadio in cui il Milan perse rocambolescamente due scudetti la squadra di oggi possa rimettersi in carreggiata e ricominciare quantomeno a sperare? Dopo l’inopinato ko contro la Fiorentina la missione si è fatta difficilissima ma dal Chievo deve partire un nuovo campionato per il Milan. Il cui obiettivo non può che essere quello di mettere insieme ventuno punti.

Leggi anche: Quanti palloni d’oro ha vinto Cristiano Ronaldo?


Chievo: la salvezza è in cassaforte ma i festeggiamenti sono stati morigerati. Un po’ perché l’ambiente non è di quelli che si lascia andare a particolari euforie, ma in parte perché la rosa allestita in estate era tra le più competitive almeno dell’ultimo lustro, pertanto quello di mantenere la categoria con tranquillità era considerato l’obiettivo minimo. Come sempre in questi casi il problema è trovare nuove motivazioni: una potrebbe essere quella di ritoccare il record di punti in Serie A, la quota 54 toccata nel 2002 e nel 2006, ma non sarà facile. Che Chievo sarà allora quello che giocherà contro il Milan? Rispetto a sabato mancherà il solo Dramè, infortunato e sostituito da Sardo, per il resto la formazione dovrebbe essere confermata. In campo si vedrà una squadra con la forza dei nervi distesi, che ha perso solo una delle ultime sette partite e che non vorrà fare da sparring partner, memore della figuraccia dell’andata. Ma questo non vorrà dire attaccare all’arma bianca, bensì il contrario: squadra corta ed attenta a sfruttare le indecisioni difensive che il Milan si concede quasi settimanalmente negli ultimi tempi. L’ex Paloschi e Pellissier sono due rapaci dell’area: niente di meglio per aspettare e ripartire. Indisponibili: Acerbi, Dramè, Gulan, Jokic, Mandelli, Moscardelli, Uribe. Squalificati: nessuno.

Leggi anche: Data ritiro estivo Inter: Riscone di Brunico e poi USA


Milan: in casi come questi si dice che tornare in campo subito dopo una delusione sia la medicina migliore, ma Allegri avrebbe certamente preferito un’altra terapia. Il motivo è ovvio, quello legato al sempre crescente numero di indisponibili: perché se gli infortunati diminuiscono (ma il vero problema è rimetterli in condizione) ora arrivano pure le squalifiche: al Bentegodi mancheranno Aquilani, Ambrosini e Bonera, appiedati dal giudice. Sfortuna nella sfortuna, due assenze su tre riguardano il centrocampo, ovvero il reparto che necessiterebbe maggiormente di turnazione e che non recupera neppure Boateng. Le cose non vanno meglio in difesa dove mancheranno tre terzini su quattro: non convocati Abate, Antonini e Mesbah. Così la formazione è letteralmente obbligata e lievemente facilitata dai recuperi di Nesta e Seedorf, ovviamente subito titolari. Ancora niente riposo quindi per Nocerino, il cui rendimento è in picchiata, mentre Seedorf si posizionerà davanti alla difesa vista la perdurante assenza di Van Bommel. Ai suoi lati lo stesso Nocerino ed uno tra l’affaticato Muntari e Gattuso mentre Emanuelson dovrà tornare a fare il terzino sinistro. Davanti, tridente “per forza” con Robinho alle spalle di Ibrahimovic ed El Shaarawy, titolare a furor di popolo. Indisponibili: Roma, Antonini, Mesbah, Thiago Silva, Boateng, Van Bommel, Inzaghi, Pato. Squalificati: Bonera, Aquilani, Ambrosini.


Probabili formazioni. Chievo: Sorrentino; N. Frey, Andreolli, Cesar, Sardo; Luciano, N. Rigoni, Bradley; Thereau; Paloschi, Pellissier. Milan: Abbiati; Zambrotta, Nesta, Mexes, Emanuelson; Gattuso, Seedorf, Nocerino; Robinho; Ibrahimovic, El Shaarawy.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche

Napoli Benfica scontro Champions League
Calcio

Formazioni Napoli Benfica 5 Dicembre

Champions League: Benfica - Napoli rappresenta l'ultimo scoglio per i partenopei per accedere agli ottavi. Probabili formazioni 5 dicembre 2016   Martedì e Mercoledì si terrà l'ultimo turno della fase a gironi della Champions League; mentre la Juventus è già certa della qualificazione il Napoli dovrà lottare con le unghie e con i denti all'Estadio de Luz, casa del Benfica (Portogallo). I partenopei non hanno la qualificazione aritmetica tra le mani e pendono su un leggero filo di lana che potrebbe portarli al terzo posto e consentirgli solo l'accesso all'Europa League. Dopo la schiacciante vittoria in campionato contro l'Inter al San Paolo per Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*