CI VUOLE NASO

Vini

CI VUOLE NASO

Per valutare i profumi dei vini è necessario riappropriarsi delle capacità olfattive, sbiadite in noi per lo scarso utilizzo che ne facciamo. Oggigiorno odorare è fuori moda, viviamo in un’epoca in cui l’olfatto è il senso meno usato, anche perchè si tratta di quello che ci è meno necessario.

Ecco un esercizio pratico e davvero elementare per sviluppare l’olfatto. Tornerà utile a quanti tra voi vorranno intraprendere la strada del sommelier o comunque del buon intenditore. Bisogna diluire in bicchieri colmi d’acqua dei piccoli quantitativi di alcol etilico, in un bicchiere metteremo due gocce di alcol, in un altro ancora cinque e in uno niente, acqua pura. Ora si dovrà provare a capire, utilizzando l’olfatto, in quale dei tre è contenuto più alcol, in quale solo acqua e in quale la quantità media. A mano a mano che si diventa esperti si dovranno aumentare i bicchieri, arrivando a sei o sette, con diversi quantitativi di alcol diluito nell’acqua e aggiungendo talvolta anche delle gocce di aceto.

Quando si sarà in grado di mettere nell’ordine crescente corretto i sei o sette bicchieri e si sapranno individuare anche i campioni con le gocce di aceto, allora ci si potrà cimentare con un vero e proprio esame olfattivo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

coccinella
Animali

Cosa mangia una coccinella?

15 agosto 2017 di Notizie

A seconda della specie di appartenenza, la coccinella può mangiare larve, vari tipi di insetti, polline o funghi delle foglie.