Ciak d’Oro: trionfo per Perfetti sconosciuti e Jegg Robot COMMENTA  

Ciak d’Oro: trionfo per Perfetti sconosciuti e Jegg Robot COMMENTA  

Ciak d'Oro

Al Ciak d’Oro, premi per il cinema italiano, giunto alla sua trentesima edizione a farla da padroni sono stati i film Perfetti sconosciuti e Jeeg Robot.

Ciak d’Oro, formato da un parterre eccezionale per il suo trentesimo compleanno, ha consacrato due film che continuano così a fare incetta di premi: “Perfetti sconosciuti” e “Jeeg Robot”.

 

La commedia “Perfetti sconosciuti” di Paolo Genovese, basata su un apparecchio ormai diventato il diario segreto dei giorni nostri e cioè il cellulare, ha trionfato come:  Miglior film, Miglior attore protagonista Marco Giallini, Miglior Sceneggiatura Filippo Bologna, Paolo Costella, Paolo Genovese, Paola Mammini e Rolando Ravello, Migliore Canzone Originale Fiorella Mannoia, Bungaro e Cesare Chiodo.


 

Al film di Gabriele Mainetti, “Lo chiamavano Jeeg Robot” sono stati assegnati i Ciak d’Oro per: Miglior attore non protagonista Luca Marinelli, Miglior colonna sonora di Michele Braga e Gabriele Mainetti, Miglior Manifesto di Daniele Moretti per Big Jellyfish e Miglior Opera Prima.


 

I Ciak d’Oro prendono in considerazione tutti i film usciti nelle sale cinematografiche dal 1° maggio 2015 al 30 aprile 2016 ed oltre ai grandi protagonisti di questa straordinaria edizione, vanno segnalati anche gli altri vincitori.


 

Alle spalle dei film già citati entrambi vincitori di 4 Ciak d’Oro si è piazzato Matteo Garrone col suo Tale of Tales, che si è aggiudicato 3 Ciak:  Miglior Regia, Miglior Scenografia e Migliori costumi.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Sabrina Ferilli ha vinto il premio come miglior attrice protagonista per l’interpretazione in Io e Lei di Maria Sole Tognazzi, mentre il Ciak  Alice Giovani, dedicato alle pellicole rivolte al mondo dei ragazzi è andato al film Un bacio di Ivan Cotroneo.

 

Premiato con un Superciak d’Oro alla carriera Lino Banfi. Valerio Mastandrea per Kimera Film si è aggiudicato il premio di Miglior produttore per Non essere cattivo di Claudio Caligari. Greta Scarano e Alessandro Borghi sono state le rivelazioni dell’anno nel film Suburra e Sonia Bergamasco si è vista assegnare il Ciak come miglior attrice non protagonista nel film che ha battuto tutti i record di incassi Quo vado?

Leggi anche

About Patrizio Annunziata 924 Articoli
Vivere di calcio e sport con passione cercando sempre di essere imparziale e raccontare solo e senza mezzi termini la pura realtà dei fatti per rendere un servizio degno ai lettori.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*