Cicatrici: rimedi naturali per renderle meno visibili COMMENTA  

Cicatrici: rimedi naturali per renderle meno visibili COMMENTA  

Cicatrici: rimedi naturali per renderle meno visibili
Cicatrici: rimedi naturali per renderle meno visibili

Anne-Marie Gabelica, fondatrice di “Olution”, ci spiega nel dettaglio come attenuare e nascondere le cicatrici in modo semplice e naturale.

Buono a sapersi

Una cicatrice è uno strappo o un’incisione cutanea che raggiunge il derma. Puo essere dovuta a ferite (bruciature, acne, …) o a degli interventi chirurgici. La cicatrice è matura una volta superati 18 mesi, dopo i quali non c’è più soluzione.


I trucchi di bellezza

  1. La cicatrice cambia aspetto in 4 fasi di guarigione:                                                                                                               fase infiammatoria (8 giorni): rossa e gonfia;                                                                                                                 fase neoangiogenetica (formazione di nuovi vasi sanguigni);                                                                                   – fase di sintesi del collagene;                                                                                                                                              – fase di rimodellamento (6-18 mesi): si attenua fino alla forma definitiva.
  2. I bambini e le persone molto adulte cicatrizzano meglio perché hanno la pelle più sottile.

    Le pelli ispaniche, nere, asiatiche cicatrizzano meno bene. I medicinali, quali immunosoppressori e antinfiammatori, rallentano la cicatrizzazione.

  3. Le soluzioni offerte da un dermatologo sono:                                                                                                               per le cicatrici scure: il laser vascolare;                                                                                                                               per le cicatrici profonde: le iniezioni di acido ialuronico (riassorbibile) da ripetere ogni anno o un intervento chirurgico (di suturazione) in caso di elevata profondità.

    Idem per le cicatrici asimmetriche (uno dei bordi non si è cicatrizzato molto bene). Per cicatrici post-acne è possibile fare un peeling (decappaggio) o un’abrasione del derma (levigatura con un cilindro abrasivo) in 2 o 3 sedute;                                                                 per le cheloidi, esistono degli antinfiammatori specifici.

  4. Per delle soluzioni naturali, “fatte in casa”, su una ferita non infetta, disinfettare dal centro verso l’esterno, senza premere troppo, ma tamponando.

    L'articolo prosegue subito dopo

    Evitare gli antisettici come l’ammonio quaternario, lo iodio o l’alcool. (citologici). Privilegiare l’olio essenziale di Tea-Tree. Bisogna lasciare la crosta. Avere un’alimentazione ricca di vitamina A (carote, zucca, spinaci, broccoli, albicocche, melone, peperone rosso) e di silicio (riso integrale, avena integrale, cetriolo, porri, barbabietole e cipolla) o tisane di equiseto. Applicare del miele biologico (idratante, antiossidante, antibiotico) per almeno 10 minuti, 3 volte al giorno. Anche il succo di limone permette una buona esfoliazione (o miele+bicarbonato). Bisogna effettuare una massima idratazione per evitare le tensioni legate alla disidratazione, per questo applicare delle fasciature a effetto occlusivo a base di idrocolloidi o siliconi e utilizzare oli vegetali e burri vegetali (karité).

Ricetta fatta in casa per attenuare le cicatrici

Balsamo cicatrizzante:

  • olio essenziale di Elicriso: 30 gocce;
  • olio essenziale di Lavanda pura: 30 gocce;
  • burro di Karité: 40 ml (36 g).

Soluzione per cicatrici di tipo cheloide:

  • olio essenziale di Rosmarino verbenone, di Lavanda spica,  d’Elicriso, di Rosmarino alla canfora o di Té del Canada.

Soluzione per una ferita profonda:

  • olio essenziale di Elicriso e di Cisto ladanifero.

Leggi anche

Orzaiolo: quanto dura e come curarlo
Salute

Orzaiolo: quanto dura e come curarlo

Orzaiolo: infiammazione batterica della palpebra. Colpisce bimbi e adulti ed è contagioso. Prevenzione, la cura migliore. Igiene di occhio e mani Orzaiolo: a differenza del calazio, non è cronico e si manifesta sporadicamente, anche se in modo Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*