Cimici nella sede del club Inter spunta la spy story

News

Cimici nella sede del club Inter spunta la spy story

Cimici nella sede del club Inter spunta la spy story
Cimici nella sede del club Inter spunta la spy story

Cimici nella sede del club Inter spunta la spy story. In casa nerazzurra si fanno i conti con un presunto caso di spionaggio, l’ad Bolingbroke ha mostrato ai dipendenti una cimice trovata sotto una scrivania.

Sono stati e saranno giorni di grande intensità, all’Inter, tra scoperte e cambiamenti imminenti nell’assetto azionario del club, mentre la squadra ha compiuto un cammino ed è migliorata rispetto allo scorso anno, forse c’è un pò di delusione per quello che poteva essere, visto com’era iniziata la stagione.

Mentre si valutano i passi da compiere a livello tecnico, con una campagna acquisti che si preannuncia difficile, visti i mancati introiti della Champions, il club si muove per accogliere nuovi e indispensabili partner. Ormai è chiaro che Erick Thohir, da solo o con Moratti azionista di minoranza, non è in grado di rilanciare i conti, anzi negli ultimi due anni la situazione è assai peggiorata dal punto di vista dell’indebitamento, mentre qualcosa a livello di ricavi è migliorato, ma ancora troppo poco.

Bolingbroke, a margine del suo discorso ai dipendenti, ha raccomandato a tutti la massima discrezione in futuro, chiedendo caldamente che nessuno, ma proprio nessuno, riveli all’esterno strategie o notizie che fanno parte dei segreti aziendali.

Un discorso tutto sommato normale per una società che vuole tutelare una certa riservatezza nei propri uffici, ma poi Bolingbroke è andato oltre, mettendo in guardia tutti da qualsiasi tipo di conversazione, all’esterno ma anche all’interno del club.

Perché c’è la concreta possibilità, ha rivelato l’ad alle decine di dipendenti riuniti, che l’Inter sia sotto spionaggio. E a quel punto, ha mostrato una cimice di quelle che si usano per le intercettazioni ambientali.

La cimice è stata trovata sotto una scrivania degli uffici, ha detto Bolingbroke, che poi ha ribadito l’invito alla massima riservatezza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche