Cina: si rompe acquario in centro commerciale

News

Cina: si rompe acquario in centro commerciale

Lo scorso 19 dicembre a Shanghai in un centro commerciale, una vasca di 33 tonnellate di acqua è scoppiata in faccia ai clienti che ammiravano estasiati gli squali all’interno del gigantesco contenitore. Il fatto è stato reso noto soltanto oggi dalla televisione e dagli organi di informazione cinesi.

Un evento inaspettato che ha scatenato il terrore oltre che uno tsunami in miniatura di acqua, vetro, e animali che si sono scaraventati sugli astanti provocando il ferimento di quindici persone tra avventori e personale. Ferite nemmeno troppo lievi, se si pensa allo spessore della vasca e del vetro che conteneva i predatori del mare.

Lo choc è stato grande e ognuno è vittima a suo modo: nell’evento sono rimasti coinvolti gli animali stessi, come tre squali limoni e decine di pesci più piccoli che hanno perso la vita. Le cause ufficiali dell’incidente non sono state ancora accertate ma si presume che a causare la rottura della vasca sia stata prevalentemente l’usura e la limitata qualità dei materiali che non hanno saputo resistere ad un brusco sbalzo di temperatura.

Per l’acquario, attrazione locale molto apprezzata, non è il primo episodio sfortunato: nello scorso giugno la rottura di un tubo dell’acqua aveva provocato la morte di due squali e di diverse tartarughe.

E il management del centro, come riportano alcune fonti, non sembra intenzionato per il momento a ricostruire l’acquario con buona pace dei visitatori e degli amanti del “brivido sicuro”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche