Cina: si stamperà pelle umana in 3d COMMENTA  

Cina: si stamperà pelle umana in 3d COMMENTA  

Pelle 3D

In cina arriva la rivoluzione delle stampanti 3D. Un equipe di chirurgi cinesi sta elaborando delle tecniche innovative per riuscire a stampare pelle umana.

Nei prossimi due, massimo tre, anni sarà possibile produrre pelle umana grazie all’utilizzo della stampante 3D. Lo studio è effettuato dal professor Wu Jun, direttore dell’Istituto Burns all’Ospedale di Chongqing, in Cina meridionale.

Leggi anche: One finger challenge: selfie nudi ma coperti da un dito


Il bioprinting è una tecnica di  di medicina rigenerativa che al posto di plastiche e polimeri si avvale di cellule umane per riprodurre organi e tessuti.

Leggi anche: Sicilia: impiegato non va a lavoro per tre anni ma veniva pagato


Nel mondo della medicina questa sarebbe una vera e proprio rivoluzione. Potrebbe accelerare la guarigione degli ustioni e ferite gravi di vario genere. In questo modo si potrebbe evitare varie complicazioni come il rigetto, infezioni ed eccessive perdite di sangue.


Inoltre con questa nuova tecnologia sparirebbe qualsiasi cicatrice di intervento e la pelle resterebbe sempre senza segni.

Non sarà certamente un lavoro semplice ma gli studiosi si stanno impegnando per rendere questo scenario una realtà. 

Il professor Wu Jun ha spiegato alla stampa cinese che fra pochi anni questi tipi di interventi saranno nella norma.

L'articolo prosegue subito dopo


Ha dichiarato:”Inizialmente utilizzeremo le stampanti per produrre arti artificiali ma con il tempo potremo sviluppare un numero maggiore di prodotti medici avanzati con l’utilizzo delle cellule staminali stampate in 3D, è solo questione di tempo”.

La Cina sta facendo sempre più strada unendo il mondo delle tecnologie a quello della medicina. Le possibili innovazioni sono tante.

Leggi anche

famigliadown
News

Bimbo Down abbandonato: famiglia cerca adozione

Un mese fa, al Policlinico di Bari, era stato partorito e abbandonato un bimbo affetto dalla Sindrome di Down e finalmente è arrivata una coppia disposta ad adottarlo. Il piccolo si trova ancora in una culla del reparto di Neonatologia nel capoluogo pugliese, ma quando sarà dimesso, avrà una casa pronta ad accoglierlo. Poco tempo prima era stata abbandonata nello stesso ospedale una bimba con la medesima patologia – causata, lo ricordiamo, dalla presenza di un cromosoma 21 in più – ed è stata subito "scelta". Diverso il caso del maschietto, per cui i richiedenti adozione hanno seguito un “lungo percorso” secondo la prassi. In entrambi in casi comunque si Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*