CINEDEAF. Il Festival del cinema sordo

Roma

CINEDEAF. Il Festival del cinema sordo

Presentata ieri la conferenza stampa di Cinedeaf, al Nuovo Cinema Aquila sarà ospitata la prima edizione del Festival del cinema sordo. Realizzato da cineasti sordi ed incentrato sulla tematica della sordità, questa prima rassegna riscopre in tutta la sua forza l’espressività del volto o della gestualità, mettendo in luce l’azione a scapito della parola. Così si torna a pensare alla nascita del cinematografo, quando era il gesto l’essenza stessa del cinema, sia che tendesse alla pantomima che ad evidenziare la drammaticità della narrazione. Il Festival, che vedrà film tanto italiani che stranieri, si dividerà tra documentari, lungometraggi, cortometraggi in concorso, film evento, un workshop sulla realizzazione di un cortometraggio e una performance della “visual artist sorda”.

Dal 3 al 6 Maggio ad inaugurare il Festival verrà proiettato The Hammer del regista americano Oren Kaplan, tra i cortometraggi – nella sezione “Corto sordo”- sono in programma Fairytale of London town dell’inglese Louis Neethling, The end di Ted Evans, presentato dal regista, All day di Nadia Nadarajah, The street di Julien Bourget e Realtà di Antonio Bottari.

Nella sezione “Mondo Deaf” saranno presentati i film The greatest show on earth di Rosa Rogers, A million pounds don’t come for free e Not from where i’m standing del regista inglese Samuel Dore, mentre nella sezione “Documentari” (registi sordi) in programma ci saranno Coffee and a pencil di Ayako Imamura, Un aretino sule tetto del mondo di Simone De Palma, mentre Sono rimasto senza parole, di Elisabetta Sgarbi verrà presentato, insieme alla regista, l’ultimo giorno all’interno di “Cinedeaf Evento”.

(link: http://cinedeafroma.files.wordpress.com/2012/03/programma-web-nuovo.png)

Martina Bonichi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Clochard
Roma

Vaticano: clochard allontanati da piazza San Pietro

22 settembre 2017 di Alice Scolamacchia

Gendarmeria vaticana ha allontanato i senzatetto per esigenze di “decoro” pubblico in un luogo frequentato da migliaia di pellegrini e turisti. Il direttore della Sala stampa della Santa Sede: “Questioni di sicurezza”. La sera potranno continuare a dormire sotto portici.