Cinque ragioni: America 1929 – Sterminateli senza pietà COMMENTA  

Cinque ragioni: America 1929 – Sterminateli senza pietà COMMENTA  

1. Perché è ben riuscito, ma poteva essere meglio. È stato lo stesso John Cassavetes, dopo aver visto il film, a dirgli a Scorsese che aveva spento un anno della sua vita a fare “a piece of sh*t” e di non perdere più il tempo a girarne un altro come quello. Non è che il film sia brutto, ma il talento di Scorsese poteva puntare molto più alto. E come: il suo prossimo film fu Mean Streets.

Leggi anche: Data uscita, streaming e trama Belle e Sebastien l’avventura continua

2. Perché vediamo lo studente diventare maestro. Sebbene Scorsese aveva già girato un altro film (Chi sta bussando alla mia porta?), questo fu il suo primo lavoro serio come regista in un ambiente (più o meno) di studio. Girato in fretta, con pochi soldi (cioè, alla Corman), Scorsese dovette imparare a lavorare sotto pressione.

Leggi anche: Incassi al botteghino: il 2015 è l’anno della ripresa per Cinema e Teatro

3. Per le emozioni che ogni tanto sbocciano. Può essere un film di “exploitation” fatto per due soldi, ma non si può dire che le emozioni siano finte né forzate. La coppia principale, Barbara Hershey e il mitico David Carradine, erano anche fidanzati in quel tempo, e poco dopo lei è rimasta incinta (se non addirittura nella scena che vediamo nel film…)

4. Per la ricerca di immagini che rimangano nella nostra memoria. Le ambizioni di Scorsese non sono poche in questo film, e questo si può intravedere nelle immagini che evocano sia altri film sia icone ben conosciute. Come quella dell’ultima scena.

5. Per Barbara Hershey. Lei porta il film sulle sue spalle, e riesce a farlo non perché sia quasi sempre senza reggiseno. Recita come se si trattasse del ruolo della sua vita. Ed è stato nelle riprese che lei diede a Scorsese un libro di uno scrittore greco e gli disse: Quando ne farai film, io voglio essere la tua Maria Maddalena. Avete indovinato il titolo del libro?

America 1929: Sterminateli senza pietà è parte della rassegna su Roger Corman al Palazzo delle Esposizioni. Sarà proiettata in lingua originale, con sottotitoli in italiano, il 22 aprile alle 21 ore. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche

senzatetto-riconosciuta-a-roma
Roma

Giovane senzatetto avvistata a Roma non è Maddie McCann

Se n'è parlato tutto il giorno e poche ore fa finalmente il mistero è stato risolto. Il padre della giovane senzatetto che per molti assomigliava a Madeleine McCann, la bimba scomparsa in Portogallo nel 2007, ha riconosciuto la giovane; ma la sua identità non è quella di Madeleine: si tratta di Embla Jauhojärvi, una ragazza svedese di 21 anni che il padre ha spiegato soffrire della sindrome di Asperger. La giovane è stata fermata tra le strade del cento storico di Roma da diversi giornalisti, dopo che si era sparsa la voce della sua somiglianza con la bambina scomparsa nel Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*