Ciro Esposito: l’audio che ricostruisce l’aggressione

News

Ciro Esposito: l’audio che ricostruisce l’aggressione

ciro esposito
I funerali di Ciro Esposito

Spunta l’audio in cui Ciro Esposito tenta di ricostruire l’aggressione che gli è stata fatale. Il giovane tifoso del Napoli è ancora cosciente e racconta di essere stato travolto dalla furia di un gruppo di tifosi romanisti coperti dai caschi. Ciro Esposito ricorda anche lo sparo che l’ha colpito e che l’ha ridotto in quello stato. Dopo 53 giorni di agonia il ragazzo è deceduto.

La procura di Roma negli scorsi giorni ha chiuso le indagini inviando la notifica a Daniele De Santis, indagato per omicidio colposo. Anche Gennaro Fioretto e Alfonso Esposito hanno ricevuto un avviso di garanzia per i reati di porto abusivo d’armi e tentato omicidio. Stando alle prime indiscrezioni le posizioni di altri 4 soggetti coinvolti nella vicenda sono state stralciate. La prima parte di questa triste vicenda si conclude positivamente per la memoria del ragazzo. Gli avvocati della famiglia Esposito si ritengono soddisfatti soprattutto perché la Procura ha aggiunto l’aggravante dei “futili motivi”.

Gli avvocati della controparte invece sostengono che De Santis sia stato a sua volta vittima di un’aggressione brutale da cui è scaturita la reazione.

Quel giorno nei pressi di Tor di Quinto si è consumata un’altra delle pagine più brutte della storia del calcio italiana. Il racconto di Ciro è straziante perché non si riesce a capire il motivo per cui una lite tra tifosi sia degenerata. De Santis però, nonostante le ferite, non ha scusanti. Ciro Esposito è stato chiaro, il suo aggressore aveva un accento romano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche