Citroen C1 MY 2012, la piccola di casa Citroen COMMENTA  

Citroen C1 MY 2012, la piccola di casa Citroen COMMENTA  

Anche nella sua nuova versione la Citroen C1 MY 2012 conferma la sua vocazione di citycar comoda e maneggevole, dai consumi ridotti. Proposta a 3 o 5 porte, la piccola di casa Citroen può ospitare 4 persone ed ha un bagagliaio di capacità modulabile, da 139 a 700 litri di capacità, che la rende comoda anche per gli spostamenti con la famiglia.

Leggi anche: Volvo nuovi modelli della serie 60 e prezzi più competitivi

Parecchie le novità: i fari fendinebbia e le luci diurne verticali a Led, inseriti nel paraurti, i cerchi in lega ed alcuni accattivanti colori, come il blu Botticelli.

Leggi anche: Volkswagen la Scirocco Edition dal prezzo di 28.625 euro

Gli interni sono molto curati e la sicurezza viene garantita da ABS, airbag (fino a sei) e ripartitore elettronico di frenata. La motorizzazione è costituita da un benzina tre cilindri, con 998 cc da 68 Cv con cambio manuale.

Grande attenzione all’ambiente, con emissioni di CO2 che rimangono al di sotto dei 100 g/KM. Perfetta per chi si muove in città, fa registrare consumi abbastanza limitati: in un percorso misto 4,3 l per 100Km.

L'articolo prosegue subito dopo

…continua.

Leggi anche

video-shock-motociclista
Moto

Cade da un burrone: il video shock del motociclista che pensa di morire

Due motociclisti sono precipitati giù da un burrone. Il più grande dei due è riuscito a registrare dei messaggi di addio per la sua famiglia mentre era inerme a terra, accanto all'amico morto Credeva che la fine fosse arrivata anche per lui, il motociclista Kevin Diepenbrock, che è finito in un burrone insieme all'amico Philip Polito. I due stavano facendo un giro in moto, attraversando il confine tra Tennessee e North Carolina, quando una brusca frenata ha fatto si che i due scivolassero in un burrone. Philip, 29 anni, non ce l'ha fatta ed è morto sul colpo mentre Kevin Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*