Città alluvionate: sospesi i fondi COMMENTA  

Città alluvionate: sospesi i fondi COMMENTA  

l Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan ha firmato il decreto legge grazie al quale verrà sospeso il pagamento dei tributi fino al prossimo 20 dicembre 2014. Tutti i cittadini e le imprese residenti nelle zone colpite dall’alluvione dei giorni scorsi saranno esentati dal pagamento dei versamenti e degli adempimenti tributari dal 10 ottobre 2014 al 20 dicembre 2014.


L’esenzione riguarda sia le persone fisiche che giuridiche, ma non include le ritenute, che dovranno continuare ad essere pagate. La dispensa è estesa anche alle cartelle notificate dagli agenti giudiziari e a quelle che derivano da un accertamento già esecutivo. L’alluvione che si è verificata dal 10 al 14 ottobre 2014 ha interessato diverse zone del Nord Italia: Veneto, Liguria, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna e Toscana.


 

alluvione genova 1

 

Tutti i comuni della provincia di Genova sono esentati dal pagamento, mentre nelle altre regioni solamente alcuni potranno beneficiare del decreto legge firmato dal ministro Padoan nei giorni scorsi. In Veneto sono esonerati dal pagamento dei tributi molti comuni delle provincie di Padova, Verona e Rovigo. Nella provincia di Padova sono ventinove i comuni interessati, in quella di Verona otto e in quella di Rovigo cinque. In Piemonte beneficerà della sospensione quasi tutta la provincia di Alessandria, sono trentotto i comuni interessati, e il Comune di Valstrona in provincia di Verbania. In Friuli non pagheranno i comuni di Muggia e Trieste e in Emilia Romagna sette comuni della provincia di Piacenza e tredici di Parma. In Toscana è interessato il Comune di Piombino in provincia di Livorno, alcuni comuni della provincia di Pisa e Grosseto e i due comuni di Serravalle Pistoiese e Larciano, in provincia di Pistoia.


Per avere l’elenco completo dei comuni alluvionati nei quali è stato sospeso il pagamento dei tributi dal 10 ottobre al 20 dicembre 2014, bisogna andare nel sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze dove è possibile scaricare anche la lista in formato CSV.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*