Cittadinanze: nel 2013 sono 274 i nuovi cittadini COMMENTA  

Cittadinanze: nel 2013 sono 274 i nuovi cittadini COMMENTA  

giusto catania

Un anno record il 2013 per le cittadinanze italiane a Palermo.
Sono stati infatti 274 i nuovi cittadini e le nuove cittadine italiani
che hanno acquisito la cittadinanza nella nostra città, a
dimostrazione dell’impegno dell’amministrazione comunale
nell’accelerazione delle procedure per il riconoscimento dei diritti.

Leggi anche: Lo stato confusionale di Provenzano. Quando il boss perse la lucidità

Nei diciotto mesi della nuova amministrazione Orlando sono 455 i
giuramenti effettuati presso gli uffici dello Stato Civile.

“La città di Palermo dimostra sempre di più la sua vocazione
all’inclusione e alla contaminazione culturale – dichiara il sindaco
Leoluca Orlando – e i nuovi cittadini italiani diventano palermitani
ben prima di acquisire lo status formale di cittadino.”

“L’Italia ha una legge sulla cittadinanza arcaica – afferma
l’assessore alla Partecipazione e ai Servizi Demografici, Giusto
Catania – e l’attività amministrativa della città di Palermo
interviene per stemperare quelle che ai più appaiono come ingiustizie
legislative.

Leggi anche: Agrigento: arrestato direttore agenzia delle Entrate e altri funzionari

Lo snellimento delle procedure amministrative sta
determinando la diminuzione dei tempi di attesa tra l’emissione del
decreto, effettuato dalla prefettura, e la cerimonia ufficiale di
conferimento presso gli uffici del Comune.”
L’amministrazione comunale si è immediatamente adeguata alle nuove
indicazioni legislative ed infatti tutti i giovani stranieri che non
hanno ancora compiuto i diciotto anni e hanno risieduto in Italia
senza interruzione stanno ricevendo la lettera dal Comune per
ricordare che possono acquistare la cittadinanza a italiana entro il
compimento del diciannovesimo anno di età.

Leggi anche

Bernardo Provenzano
Attualità

Lo stato confusionale di Provenzano. Quando il boss perse la lucidità

Provenzano: il boss di Cosa Nostra e lo stato confusionale causato dalla perdita di lucidità durante gli ultimi anni della sua vita Bernardo Prevenzano è decesso  oggi 13 luglio all'età di 83 anni. Il boss di Cosa Nostra è morto a causa del cancro alla vescia e alla prostata. Lo stato di salute di Provenzano si trovava gravemente danneggiato e infatti, nel 2001 scattarono l'allarmi per le condizioni di salute del boss. Provenzano soffriva spesso di perdita di lucidità e non sapeva perché ne come  fosse detenuto. Ogni tanto aveva anche episodi  di balbuzie. Furono le lettere scritte alla moglie a far capire alla Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*