Clamoroso Gervasoni: “Il Siena pagò due giocatori del Modena”

Calcio

Clamoroso Gervasoni: “Il Siena pagò due giocatori del Modena”

Sono riprese a tamburo battente le audizioni presso la Procura Sportiva per lo scandalo-scommesse. Davanti a Palazzi ed ai suoi collaboratori sono sfilati Dario Dainelli ed Omar Milanetto e ad entrambi sono stati chiesti ragguagli su Lazio-Genoa 4-2 del 14 maggio 2011, partita fortemente sospettata di essere stata alterata dal gruppo degli Zingari e non solo puntando sul pareggio nel primo tempo e sulla vittoria laziale nella ripresa. Eventualità che si sono puntualmente verificate, coincidenza che ha fatto drizzare le antenne agli inquirenti così come l’aggancio delle celle telefoniche degli Zingari nell’area di Formello poche ore prima della partita. Le stesse domande verranno rivolte venerdì durante gli attesissimi interrogatori di Stefano Mauri e Cristian Brocchi ma a far parlare è soprattutto un interrogatorio vecchio di un mese esatto.

Lo scorso 12 marzo Carlo Gervasoni avrebbe infatti detto al pm di Cremona Roberto Di Martino che secondo quanto gli era stato riportato da Almir Gegic il presidente del Siena Massimo Mezzaroma avrebbe pagato due giocatori del Modena per alterare il risultato della sfida del Braglia del 26 febbraio 2011, poi vinta per 1-0 dai toscani grazie ad un gol di Bolzoni.

Un’accusa devastante che però Gervasoni ha fatto mettere a verbale determinando una svolta nell’inchiesta visto che il verbale è stato secretato ma una copia di esso è già stata mandata alla Procura Federale. Incredula ma pure preoccupata la reazione di Mezzaroma: “Sono esterrefatto e sdegnato. Fino a questo momento avevamo scelto di non commentare i vari passaggi dell’inchiesta ma di fronte a una falsità di tale portata, che coinvolge direttamente la mia persona, non posso esimermi dallo smentire nella maniera più assoluta certe affermazioni“.

Quasi certamente comunque nelle prossime ore Palazzi chiamerà lo stesso massimo dirigente del Siena a deporre: la società era già stata sfiorata dallo scandalo riguardo alla partita contro il Novara del 1° maggio 2011 ma in quel caso si parlò di un accordo tra giocatori delle due squadre. Ora il preoccupante salto di qualità con il presunto coinvolgimento della società: un macigno potenzialmente in grado di riscrivere la classifica di Serie A e pure la storia della Robur.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche