Clandestini imbavagliati con lo scotch a bordo di un aereo: normale operazione di polizia COMMENTA  

Clandestini imbavagliati con lo scotch a bordo di un aereo: normale operazione di polizia COMMENTA  

Prendiamo atto del fatto che, imbavagliare con dello scotch delle persone fa parte delle normali procedure di polizia. Testimone di tali barbarie è stato il regista Francesco Sperandeo, passeggero di un volo in partenza da Roma e diretto a Tunisi.

Leggi anche: Etna: violenta eruzione nella notte, la cenere ha ammantato il litorale jonico

Tra i comuni passeggeri c’erano due tunisini che dovevano essere rimpatriati. Il regista ha denunciato l’arroganza degli agenti nei suoi confronti quando, ha chiesto per i due uomini un trattamento più umano, non solo, secondo gli agenti imbavagliare delle persone che, è bene fare presente non sono criminali, è una normale operazione di polizia.

Leggi anche

messaggio_ricevuto
News

3 Dicembre 1992: 23 anni fa il primo sms della storia

Oggi si celebra il 23° “compleanno” degli sms. Infatti 23 anni fa, il 3 Dicembre 1992, veniva inviato il 1° messaggio della storia: “Merry Chrismas”, un auguro per il Natale ormai non troppo lontano. Lo spediva ad un collega un ingegnere inglese di nome Neil Papworth, che lavorava alla Vodafone. Ma non era ancora possibile inviarlo da un telefonino all’altro, così Papworth dovette usare il proprio personal computer. Si dovette attendere ancora un anno per fare altrimenti: lo fece un ragazzo finlandese, Riku Pihkonen, che era impegnato in uno stage alla Nokia. Il successo mondiale degli sms, in particolare tra gli adolescenti, si ebbe Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*