Classifica città migliore qualità della vita 2014 COMMENTA  

Classifica città migliore qualità della vita 2014 COMMENTA  

 

Abbiamo appena salutato il 2014, un anno di crisi, di mancata crescita e di attese. Cosa ci riserverà il 2015, ancora non possiamo saperlo, ma possiamo  tirare le somme sul vecchio anno, almeno per quanto riguarda la qualità della vita nel nostro Belpaese.

Leggi anche: 1 novembre 2009: ci lasciava Alda Merini


Anche quest’anno il Sole 24ORE. ha pubblicato la classifica delle provincie italiane , con la migliore qualità di vita,prendendo come parametri alcuni elementi: servizi, ambiente, salute, asili, affari e lavoro, popolazione.

Leggi anche: Panorama d’Italia: eventi Milano


Quest’anno, il podio va alla città di Ravenna, che scalza la vincitrice degli scorsi anni, Trento che passa al secondo posto. Ravenna risulta essere la miglior città relativamente a servizi, ambiente e salute, e con un buon tasso occupazionale (il 67%), ma con una nota negativa relativamente all’ordine pubbblico,  perchè la città regina, presenta un’alta incidenza di piccoli atti criminali.


Agrigento si merita in vice l’ultimo posto; resta ancora ben visibile il divario fra provincie settentrionali e quelle meridionali, quasi tutte negli ultimi posti, a parte alcune città sarde .Una curiosità: fra i primi 10 posti, troviamo città piccole o medie, a parte Milano, che si merita l’ottavo posto.

L'articolo prosegue subito dopo


Eccovi la lista completa.

1. Ravenna

2. Trento
3. Modena
4. Belluno
5. Reggio Emilia
6. Aosta
7. Bologna
8. Milano
9. Siena
10. Bolzano
11. Livorno
12. Roma
13. Macerata
14. Sondrio
15. Grosseto
16. Firenze
17. Cuneo
18. Forlì-Cesena
19. Parma
20. Olbia-Tempio
21. Udine
22. Piacenza
23. Treviso
24. Genova
25. Massa Carrara
26. Brescia
27. Perugia
28. Trieste
29. Pisa
30. Vicenza
31. Pordenone
32. Rimini
33. Verona
34. Mantova
35. Prato
36. Pesaro e Urbino
37. Arezzo
38. Savona
39. Verbano-Cusio-Ossola
40. Ancona
41. Bergamo
42. Gorizia
43. Ferrara
44. Sassari
45. Padova
46. Ascoli-Piceno
47. Lucca
48. Como
49. Rovigo
50. Nuoro
51. La Spezia
52. Pistoia
53. Asti
54. Torino
55. Lecco
56. Varese
57. Cremona
58. Ogliastra
59. Pavia
60. Vercelli
61. Imperia
62. Terni
63. Cagliari
64. Biella
65. Venezia
66. Novara
67. Alessandria
68. Oristano
69. Lodi
70. L’Aquila
71. Viterbo
72. Teramo
73. Latina
74. Chieti
75. Ragusa
76. Matera
77. Carbonia-Iglesias
78. Rieti
79. Potenza
80. Crotone
81. Medio Campidano
82. Campobasso
83. Siracusa
84. Benevento
85. Pescara
86. Brindisi
87. Avellino
88. Isernia
89. Frosinone
90. Catanzaro
91. Bari
92. Trapani
93. Salerno
94. Messina
95. Palermo
96. Napoli
97. Vibo Valentia
98. Cosenza
99. Catania
100. Lecce
101. Enna
102. Caltanissetta
103. Taranto
104. Caserta
105. Foggia
106. Reggio Calabria
107. Agrigento

 

 

Leggi anche

Come ridurre danni da fuochi d'artificio
Cultura

Come ridurre danni da fuochi d’artificio

I fuochi d'artificio fanno parte dell'arte pirotecnica. Questi sono l'ultimo, e più gradito, spettacolo in tutte le feste. I fuochi d'artificio sono stati creati in Cina nell'ottavo secolo. Essi venivano usati, fino all'ottocento, solo nelle feste dei nobili e nelle cerimonie militari. Oggi questi vengono usati per salutare l'anno nuovo. Nella festa di fine anno utilizzo di fuochi d'artificio può portare a provocare danni alle persone, agli animali e possono portare a creare principi d'incendio. Infatti, dentro ad essi si trovano tre componenti: il combustibile; il comburente, che sono materiali che contengono ossigeno; additivi per gli effetti pirotecnici. Questi tre Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*