Clemente Russo e Bettarini: chiedo scusa a Simona Ventura e tutte le donne COMMENTA  

Clemente Russo e Bettarini: chiedo scusa a Simona Ventura e tutte le donne COMMENTA  

Clemente Russo
Clemente Russo

Clemente Russo è stato espulso dal Grande Fratello Vip dopo le polemiche suscitate dalla sua conversazione con Stefano Bettarini.

Il pugile, atleta delle Fiamme Azzurre, durante una conversazione notturna con Stefano Bettarini, ha dichiarato che la donna che tradisce “va lasciata lì, morta”. Lo scambio di battute tra i due non è passato inosservato a Simona Ventura, diretta interessata della discussione e ex-moglie del calciatore, che ha deciso di intervenire per vie legali. L’atleta ha avuto la possibilità di scusarsi nello studio del programma subito dopo aver lasciato la casa.

Leggi anche: Clemente Russo: le accuse di Scialpi e Roberto Blasi


La decisione della produzione del programma, di espellere il concorrente dal gioco, è stata presa subito dopo le parole del pugile, che già nei giorni passati si era macchiato di insulti omofobi nei confronti del concorrente Bosco Cobos.

Leggi anche: GF Vip: Clemente Russo squalificato, lascia la casa


Anche il ministro di Giustizia, Andrea Orlando, si è espresso a riguardo: Non sono appassionato al Grande Fratello e non voglio giudicare cosa possa dire o meno un concorrente, ma un poliziotto penitenziario che dice che lascerebbe stesa una donna nel caso la tradisca, essendo la polizia penitenziaria polizia delle garanzie, non ci fa fare un passo avanti”. Il ministro ha inoltre richiesto al Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria di valutare la conformità allo statuto deontologico del Corpo e la compatibilità con le istanze di tutela dell’immagine dell’Amministrazione penitenziaria dei recenti comportamenti del pugile.

Leggi anche

canone-rai-2017
News

Canone Rai: come fare dichiarazioni per non pagare nel 2017

C’è chi non possiede un televisore in casa e ovviamente non vuole pagare il canone nel 2017, per cui sta pensando di preparare una dichiarazione. Per evitare l’addebito sulla bolletta di gennaio, si può o inviarla online entro fine dicembre o entro il 20 se la si invia per raccomandata. Esonerato anche chi non rispetta tali scadenze e dovrà chiedere di ottenere il rimborso della prima rata. Il modello della dichiarazione dove essere ripresentato ogni anno, perché ognuno ha validità annuale. Lo si può trovare dall’anno scorso sui siti internet dell'Agenzia delle entrate e della Rai. Coloro che sono già registrati Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*