Coldiretti invita il prof. De Toma a Cuneo

Attualità

Coldiretti invita il prof. De Toma a Cuneo

Con una lettera indirizzata a “La Stampa”, Coldiretti ha invitato a Cuneo il prof. Giorgio De Toma, dopo una sua intervista, pubblicata lo scorso 17 aprile sul quotidiano, per approfondire e dibattere l’argomento relativo all’utilizzo dei cibi locali nella dieta dei cuneesi e la problematica del c.d. “gozzo”, connessa alla carenza di iodio nei territori montani e pedemontani come i nostri.
In un successivo intervento su La Stampa, il professore, docente universitario e medico chirurgo, aveva chiarito la sua posizione, sostenendo di essere stato frainteso dall’agenzia che aveva raccolto solo una parte delle sue affermazioni in un convegno.
Chiarito finalmente l’equivoco, Coldiretti vorrebbe presentare al professore De Toma, la realtà della nostra Provincia.
“Se il prof. De Toma lo vorrà – dicono il presidente, Marcello Gatto, e il direttore di Coldiretti Cuneo, Bruno Rivarossa – potrà visitare qualche agrimercato gestito direttamente dai produttori aderenti a Campagna Amica, punti vendita aziendali, nonché botteghe di prodotti locali.

Inoltre, potrà anche visitare le mense degli ospedali di Cuneo, che da quasi un decennio utilizzano i prodotti del territorio nella preparazione dei pasti ai degenti, oppure qualche mensa scolastica della città di Cuneo che, con il diretto controllo del comitato mensa dei genitori, ha operato da anni la scelta di utilizzare prodotti locali anche nella ristorazione scolastica”.
“Sarà l’occasione – evidenziano il presidente Gatto e il direttore Rivarossa – per verificare concretamente come anche in questi settori, Coldiretti, attraverso i propri strumenti operativi, abbia agito per riavvicinare i consumatori ai prodotti locali, contribuendo ad abbattere le emissioni di CO2 in atmosfera ed accrescere il collegamento reale tra il mondo agricolo e quello dei consumatori”.
Ma sarà anche l’occasione per osservare da vicino i cittadini cuneesi, ed avere la conferma che il “gozzo” è solo un retaggio del passato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche