Colloquio di lavoro? Ecco le parole da non dire

Colloquio di lavoro? Ecco le parole da non dire

Lavoro

Colloquio di lavoro? Ecco le parole da non dire

La ricerca del lavoro è un momento delicato e importantissimo, che culmina nel colloquio conoscitivo con i possibili nuovi datori di lavoro. Tutto deve essere controllato e senza sbavature perchè è questo il momento in cui fare la giusta impressione ai selezionatori.

Per aiutarci a non farci prendere dall’agitazione Bernard Marr, LinkedIn influencer, ha stilato questa particolare classifica che contiene le parole da non dire mai durante un colloquio. Prendete spunto e migliorate le vostre presentazioni!

Le 7 parole da non dire a un colloquio di lavoro

1. Influenza, sinergia, motivazionale ecc: Marr suggerisce di evitare assolutamente il gergo aziendale. Il rischio di sembrare pretenziosi è alle porte.
2. Peggior difetto? Sono un perfezionista!: questa battuta poteva far sorridere quindici anni fa. Forse. Se tutti i sedicenti perfezionisti lo fossero stati davvero oggi vivremmo in un mondo migliore. Da evitare, così come le frasi fatte e i clichè.
3. Odio: questa parola non è di per sé inappropriata, ma lo diventa se riferita al proprio lavoro, ai vecchi datori o colleghi.
4.

Bella zio: i giovanilismi sono da limitare. Sembra scontato, ma in realtà oggi si fa molta fatica a riconoscere il limite tra ambiente formale e informale e a scegliere i registri più adeguati.
5. “Sono un giocatore di squadra”: stesso discorso fatto al punto 2. È una bella qualità, ma assolutamente inflazionata, ormai un vero clichè. Se la capacità di lavorare in gruppo è una vostra dote portate esempi concreti a riguardo, legati magari alla vostra precedente esperienza, sarà sicuramente più apprezzato.
6. Ehmmm…: non abbiate paura del silenzio. I mugugni riempitivi danno fastidio: pensate a cosa volete dire e ditelo. Quando non avete altro da dire, state in silenzio.
7. No: la regina delle parole da non dire a un colloquio. Il no secco chiude ogni possibilità di dialogo, mai limitarsi a rispondere No. Se una risposta negativa è necessaria, accompagnate la risposta da una spiegazione o da un proposito positivo. Un esempio? Eccolo: “Sei pronto per un colloquio di lavoro?” “No, ma leggendo questa lista imparerò qualcosa in più!”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche