“Colpo di scena. Incontri di una vita”, l’ultimo libro di Giuliana Gargiulo COMMENTA  

“Colpo di scena. Incontri di una vita”, l’ultimo libro di Giuliana Gargiulo COMMENTA  

Giovedì 20 ottobre, nella Sala Martucci, presso l’antica e prestigiosa sede del Conservatorio “San Pietro a Majella” di Napoli, la scrittrice e giornalista Giuliana Gargiulo ha presentato al pubblico il suo ultimo lavoro “Colpo di scena. Incontri di una vita”. Nel libro, edito da Graus Editore, l’autrice ripercorre le tappe fondamentali della sua vita attraverso gli incontri con alcuni dei personaggi più straordinari del mondo dell’arte, della cultura e della politica con i quali ha stretto rapporti di amicizia e di stima. La vita di Giuliana Gargiulo è un viaggio incredibile, ricco di esperienze uniche, che l’hanno portata da una parte all’altra del mondo distinguendosi soprattutto per la professionalità e per quei suoi modi schietti e sempre garbati. Ascoltando gli aneddoti della sua vita, che la giornalista racconta con la sua tipica verve, si rimane affascinati per le numerose personalità incontrate e la quantità di vicende vissute. Corredato anche da una ricca galleria fotografica, il libro contiene svariate immagini in cui Giuliana Gargiulo appare in compagnia di “mostri sacri” come Vittorio De Sica, Eduardo De Filippo, Sophia Loren, Carla Fracci, Rudolf Nureyev e tantissimi altri. Nel corso della presentazione, tra ricordi e racconti, sono emerse le varie fasi della vita e le tante sfaccettature che hanno formato l’eclettica personalità dell’autrice, sfaccettature che convivono tutte insieme con equilibrio in una donna amabile, carismatica e sempre sorridente. Le radici affondano a Sorrento, a Villa Gargiulo, dove vive l’infanzia e l’adolescenza, circondata dall’amore della propria famiglia, una famiglia aristocratica che le ha dato la possibilità di stare a contatto con personaggi come Rossano Brazzi e Valentina Cortese, che le hanno trasmesso la passione per lo spettacolo e soprattutto per il mondo dorato di Hollywood. Successivamente, debutta come attrice al fianco di Eduardo De Filippo, che addirittura creerà apposta per lei il personaggio di Giulianella, appunto, nella commedia “Sabato, domenica e lunedì”. In seguito, abbandonate le scene, inizia il suo percorso di giornalista e scrittrice acuta e di grande sensibilità.

Leggi anche: Babbo Natale esiste o no

Alla presenza del Direttore del Conservatorio Elsa Evangelista, del docente e critico di danza Elisabetta Testa, del giornalista Ciro Cacciola e dell’attrice Annamaria Ackermann, che ha letto qualche stralcio tratto dal libro, l’incontro è stato teatro di un vero e proprio colpo di scena, giusto per restare in tema: la presenza di due miti viventi, Carla Fracci e Angela Luce, ineguagliabili icone dello spettacolo, entrambe amiche della Gargiulo.

Leggi anche: Quanto costa macchina per neve finta

Ma il vero colpo di scena, quello che può avvenire solo grazie alla combinazione di certe concomitanze non programmate, è stato rivedere insieme, a distanza di 60 anni, tre esponenti della famosa compagnia “La Scarpettiana”, diretta da Eduardo: Angela Luce, Giuliana Gargiulo e Annamaria Ackermann.

Un incontro che ci ha riportati inevitabilmente indietro nel tempo, in un passato lontano, quello degli anni d’oro del teatro italiano, quando i maestri erano veramente maestri e gli attori erano veramente attori.

L'articolo prosegue subito dopo

Aver avuto la possibilità di vedere ancora una volta insieme queste tre Signore della scena, che con disinvoltura portano addosso, come un prezioso abito, la storia, la classe e l’eleganza di altri tempi, è stato uno di quei momenti che i grandi appassionati di teatro conserveranno per sempre nei loro ricordi e che ha regalato all’evento quell’aura di divismo di un’epoca che non esiste più.

Leggi anche

babbo-natale
Cultura

Babbo Natale esiste o no

Ci sono ancora bambini che credono a Babbo Natale e attendono con ansia di ricevere i suoi doni a Natale. Ma quanto c'è di reale in questo personaggio? La maggior parte dei genitori si sente rivolgere la fatidica domanda “Babbo Natale esiste o no?” dai propri figli appena riescono a percepire la realtà distinguendola dalla fantasia. Per alcuni questo momento arriva presto (fra i 3 e i 9 anni), per altri si prolunga un po’. Una cosa è certa: nell’immaginario collettivo dei più piccoli il personaggio di Babbo Natale ha persino soppiantato Gesù Bambino. Per i bimbi in tenera età Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*