Come abbassare la pressione alta in 3 minuti

Salute

Come abbassare la pressione alta in 3 minuti

pressione alta

La pressione alta è uno dei disturbi che maggiormente colpisce la popolazione dei paesi industrializzati. Vediamo come ridurla in soli 3 minuti.

L’ipertensione, o pressione alta, è una malattia che non va sottovalutata, perché può causare coronopatie, insufficienza cardiaca, colpi apoplettici, insufficienza renale ed altre gravi patologie. E’ una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati. In Italia colpisce oltre dieci milioni di persone e rappresenta uno dei principali fattori di rischio per le malattie cardiovascolari.

La pressione alta in generale tende a verificarsi con l’avanzare dell’età e proprio per questo motivo si è portati a pensare che l’ipertensione sia un problema che riguardi solo le persone anziane, ma in realtà colpisce sempre più spesso anche i giovani, assumendo il nome di pre-ipertensione.

Nella maggior parte dei casi (circa il 90%) non è facile stabilire con certezza le reali cause all’origine di questa patologia ipertensiva. Per questo motivo, si parla di un insieme di fattori predisponenti, che nel loro insieme, favoriscono la comparsa della malattia. Sulle cause dell’ipertensione arteriosa essenziale si possono dunque fare soltanto delle ipotesi.

Sintomi della pressione alta

La pressione alta viene definita un “killer silenzioso”; tipicamente, infatti, è un problema asintomatico.

Spesso ci si accorge di avere la pressione a livelli più elevati rispetto al normale quando la si misura dal medico o in farmacia, per controlli di routine. Un singolo valore alto non è necessariamente sinonimo di ipertensione arteriosa, ma se nel tempo vengono riscontrati valori maggiori o uguali a 140/90 mmHg (sistolica 140 o più, oppure diastolica 90 o più), è necessario avviare un percorso terapeutico che preveda eventuali medicinali e una modifica del proprio stile di vita.

Diversamente, per quanto riguarda le crisi ipertensive di un soggetto già in cura, è possibile avvertire un cerchio alla testa, formicolio alle estremità delle dita delle mani e tachicardia. Questo può avvenire, ad esempio, quando la massima supera i 180 mmHg o la minima i 110 mmHg. Tuttavia, non esistono sintomi fissi universalmente riscontrabili; studi scientifici proverebbero addirittura che una massima alta è associabile a una probabilità inferiore del 40% di soffrire di mal di testa.

Altre credenze comuni riportano come sintomi dell’ipertensione le perdite di sangue dal naso, aumento di sudorazione, problemi di insonnia e nervosismo.

Anche in questi casi, la medicina tuttora non è in grado di dare una conferma, classificando quindi la pressione alta come un problema non diagnosticabile in base a disturbi specifici.

Soggetti a rischio

Gli anziani sono la prima categoria soggetta all’alta pressione. Con l’età, la pressione è soggetta ad aumentare. Altri soggetti a pressione alta sono i bambini in sovrappeso che, rispetto ai normopeso, hanno un’elevata probabilità di diventare ipertesi ed obesi in età post-adolescenziale. L’uomo, ha un rischio elevato di sviluppare la malattia intorno ai 30-40 anni. Nelle donne tale rischio, inferiore fino alla menopausa, arriva dopo i 45-50 anni fino al 50% per poi aumentare ulteriormente dopo i 65 anni.

I fattori che favoriscono la pressione alta

I principali fattori sono:

  • Invecchiamento
  • Sedentarietà
  • Fattori alimentari
  • Fattori genetici
  • Condizioni di stress sociale
  • Aumento tono del sistema nervoso simpatico
  • Diminuzione capacità del rene a eliminare sodio

Occorre per prima cosa considerare i fattori determinanti all’aumento della pressione. Tra questi ci sono i fattori genetici, l’ereditarietà o familiarità della patologia influisce per circa il 30% sulla possibilità d’insorgenza dell’ipertensione.

Per questo motivo, un soggetto che ha dei famigliari ipertesi avrà un maggior rischio di sviluppare la malattia. In questi casi, è molto importante, seguire scrupolosamente le regole di prevenzione primaria, per allontanare il più possibile l’eventuale comparsa della patologia. La ridotta attività fisica tra questi è probabilmente il più importante fattore di rischio. La sedentarietà è un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari: le persone che fanno poco movimento hanno un rischio doppio di avere patologie coronariche.

La scorretta alimentazione e il consumo di cibi non adatti influisce sulla pressione. Si consiglia di seguire una dieta ricca di fibre e povera di grassi. Così come è bene evitare di fumare e l’abuso di alcol. Il fumo di una sigaretta è un potente vasocostrittore, riduce l’ossigenazione dei tessuti e facilita la formazione di placche aterosclerotiche. L’alcol, a piccole dosi ha un effetto benefico grazie alle sue proprietà vasodilatatrici; se viene ingerito a forti dosi invece, altera il metabolismo, influisce sulla pressione sanguigna e influenza il ritmo del cuore.

Lo stress psichico influisce a tal punto sulla comparsa dell’ipertensione da essere considerato il principale fattore causale.

Tra le condizioni più a rischio vi sono: collera trattenuta, arrabbiature, intense emozioni, responsabilità lavorative o eccessivo impegno nello studio e/o nel lavoro.

Dispositivi per misurare a casa la pressione

Misurare la pressione è molto importante per il benessere e la salute. Esistono dei piccoli dispositivi che, direttamente a casa propria, permettono di tenere sotto controllo la minima e la massima. I prodotti che andremo a proporvi sono le soluzioni migliori per chi vuole grandi risultati con poco sforzo e poco prezzo.

Il dispositivo serve per misurare la pressione arteriosa in modo completamente automatico, inoltre l’apparecchio misura in modo semplice e rapido la pressione e la frequenza delle pulsazioni. Il device consente un comodo gonfiaggio e non è richiesta una preimpostazione della pressione, tutto grazie alla tecnologia IntelliSense.

Questo modello, offre numerose e accurate indicazioni all’utente che lo utilizza, inoltre è stato calibrato utilizzando le direttive dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e dunque restituisce dei dati affidabili e veritieri. Il dispositivo è facile da utilizzare ed è inoltre dotato di un ampio schermo sul quale è possibile osservare in maniera intuitiva e chiara i dati relativi alla pressione arteriosa e al battito cardiaco.

Il dispositivo è dotato di un bracciale easyfit. Offre all’utilizzatore un elevato comfort e un uso corretto dell’apparecchio. Inoltre, la misurazione della pressione arteriosa è automatica ed è accompagnata da schede guida per la lettura dei valori ottenuti. La tecnologia one touch garantisce facilità d’uso e confortevolezza. Al quale si unisce il display LCD Easy Read in grado di memorizzare 60 misurazioni.

Si tratta di un device che presenta un ottimo design con un numero ridotto di pulsanti, che rendono il suo utilizzo facile e di immediata comprensione. Il prodotto in questione è in grado calcolare la media delle ultime tre misurazioni, le quali possono essere ricontrollate su un display molto ampio e di facile lettura.

Rimedi per abbassare la pressione alta

Vediamo alcuni rimedi, più o meno, immediati per contrastare e contenere la pressione alta.

Metodi per far scendere la pressione alta immediatamente

  1. Interrompere qualsiasi cosa che abbia fatto aumentare la pressione del sangue.
  2. Siediti o sdraiati, perché la pressione è più alta quando ci si muove. L’attività incrementa il pompaggio del sangue e il battito del cuore. Se è necessario spostarti, fallo lentamente e con calma. Stare seduti per qualche minuto può contribuire ad abbassare la pressione del sangue.
  3. Mettiti in una posizione comoda. Se ci si trova in una posizione in cui le gambe e le braccia non hanno dei supporti, il cuore deve lavorare di più per pompare il sangue verso quelle aree. La pressione del sangue, in questa situazione, sale. Se ci si sdraia, tutte le zone del corpo sono stabili e l’organismo non ha bisogno di lavorare duro per pompare il sangue in modo efficace a tutte le aree e agli organi che ne hanno bisogno.

Altri metodi per abbassare la pressione alta

  1. Respira profondamente e con calma. Il pompaggio del sangue è più complicato quando si è a corto di fiato. Il cuore, infatti, sta tentando di trovare l’ossigeno da immettere nel sangue. Prendendo respiri calmi e profondi, si aiuta l’ossigeno ad entrare nel flusso sanguigno in modo che il cuore possa calmare e ridurre la pressione. Utilizza un serbatoio inalatore se necessario. Respira profondamente e tranquillamente in modo da ridurre lo stress.
  2. Prendi i farmaci per la pressione sanguigna prescritti dal tuo medico. Se hai la pressione alta e ti sono stati prescritti dei farmaci, l’assunzione del farmaco può ridurre la pressione del sangue rapidamente.

La musica per abbassare la pressione

La musica può aiutare a far abbassare la pressione sanguigna. Ovviamente, meglio se si prediligono le frequenze più lente in modo da riuscire a rilassarsi, come nel caso della musica classica. Mozart e Strauss sono considerati i compositori migliori per aiutare a rilassare l’organismo. Anche la musica “ambient” favorisce il rilassamento psico-fisico. Da evitare le frequenze troppo ritmate, che invece aumenterebbero lo stress.

Come abbassare la pressione in 3 minuti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche