Come affrontare la sindrome da rientro dalle vacanze

Guide

Come affrontare la sindrome da rientro dalle vacanze

A tutti è capitato di avere un po’ di nostalgia delle vacanze, al primo giorno di rientro in città, con la prospettiva delle spese da fare, la casa da sistemare, il lavoro da ricominciare, ma che una vera e propria sindrome da rientro colpisse i nostri corpi rilassati e abbronzati è una notizia quasi incredibile. Mal di testa, raffreddore, calo dell’attenzione, stanchezza, problemi digestivi, malinconia, dolori muscolari, ansia, nervosismo, sonnolenza, disturbi intestinali sono i sintomi di quella che gli americani chiamano “Holiday Blues” e che secondo l’Istat colpisce circa un italiano su dieci. Ci sono però alcuni accorgimenti da seguire per facilitare il rientro dalle ferie, come ad esempio anticipare di qualche giorno il rientro in modo da poter riprendere gradualmente i ritmi della vita quotidiana e affrontando gli impegni che ci aspettano in maniera graduale. Anche fare attività fisica, specialmente all’aperto, ha un effetto positivo al rientro dalle vacanze, in quanto durante l’attività fisica rilasciamo endorfine, che hanno capacità antidepressive, e stimoliamo il nostro sistema immunitario.

Anche la dieta è un fattore molto importante, perché con la giusta alimentazione possiamo ridurre i sintomi della sindrome, in particolare quelli legati a stomaco e intestino. Oltre a fermenti lattici e yogurt è consigliabile limitare il caffè, i fritti, gli insaccati, l’alcol, i cibi molto piccanti e il latte. Carni magre e pesce, ben cotti e accompagnati da molta acqua naturale, frutta e verdura sono gli alimenti migliori per riuscire a superare il rientro dalla vacanze che, per fortuna, dura solo pochi giorni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...