Come calcolare ritenuta d’acconto per prestazione occasionale COMMENTA  

Come calcolare ritenuta d’acconto per prestazione occasionale COMMENTA  

È bene cercare una formula per calcolare il lordo dal netto. Quando si parla di prestazioni di lavoro dobbiamo evidenziare che le prestazioni occasionali (previste da una specifica normativa) danno luogo al calcolo di una ritenuta d’acconto (che ammonta al 20%). Vedremo, ora, come fare velocemente i calcoli relativi alla ritenuta d’acconto per prestazione occasionale. È bene evidenziare che il compenso netto (quello che incassa effettivamente il lavoratore) è rappresentato dall’80% della cifra lorda.


Per fare i calcoli potrebbe essere molto utile utilizzare un foglio di calcolo come Excel (con esso fare i calcoli è una cosa molto veloce e decisamente semplice.

Non ci dobbiamo complicare inutilmente la vita con calcoli troppo complessi).

Proviamo, dunque, a fare un esempio: immaginiamo di aver fatto una prestazione occasionale per un lavoro che abbia determinato un importo lordo di 500 euro. Secondo il committente tale compenso è da intendersi lordo.

Vediamo, ora, i calcoli: 500 euro (importo lordo); 100 euro (ritenuta d’acconto al 20%); quindi 400 euro rappresenta l’importo netto da liquidare al collaboratore.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*