Come capire quando una ragazza viene

Il primo essenziale segno di eccitazione femminile, corrispondente all’erezione maschile, è la lubrificazione vaginale, che si manifesta velocemente e rende possibile e non doloroso il coito.

Leggi anche: Come riconoscere la genialità di un bambino

La stimolazione del clitoride, zona erogena di primaria importanza nella donna, attiva migliaia di fibre nervose e determina una serie di reazioni vascolari ed endocrine che contribuiscono alla formazione della “piattaforma orgasmica”. La zona esterna della vagina è, quindi, quella sicuramente più sensibile, infatti nel suo interno non si trovano molte terminazioni nervose.

Leggi anche: Il passaggio dall’asilo alle elementari

Si pensa che la sensibilità erogena vaginale sia comunque collegata a recettori profondi a partenza muscolare, ciò spiega il fatto che molte donne apprezzano una penetrazione profonda, ricavandone un piacere intenso diverso da quello ottenuto dalla stimolazione vaginale esterna.

Il proseguire della fase di eccitamento porta alla fase di plateau, caratterizzata da un’intensa vasocongestione, dalla riduzione del lume vaginale di circa il 50% rispetto alla dilatazione verificatasi nella fase di eccitamento, dall’intensificazione del colore e dall’appiattimento delle pieghe mucose

Leggi anche

Lo scaffale fai da te: tubi di rame e tavole di pino
Guide

Lo scaffale fai da te: tubi di rame e tavole di pino

Avete una vera e propria passione per piantine, candele, piattini e cestini? Allora saprete anche che tutti questi oggetti servono a poco, sono solo carini. Se avete come me una vera e propria passione per piantine, candele, piattini "raccogli qualunque cosa" e piccoli cestini, allora saprete anche che tutti questi oggetti servono davvero a poco, sono solo decorativi. Ma io ne sono consapevole, e dovreste esserlo anche voi! Potrei stare a guardare queste suppellettili per ore, osservare dei begli oggetti fatti a mano mi rende felice. Il problema è trovare un posto che sia altrettanto bello per poterli esporre. Ho messo insieme questa Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*