Come capire se il pesce è fresco COMMENTA  

Come capire se il pesce è fresco COMMENTA  

Secondo un’inchiesta del Movimento Difesa del Cittadino, il 55% dei commercianti dei mercati rionali espone informazioni incomplete su costo, provenienza e freschezza del pesce. Per valutare se il pesce che stai acquistando è fresco, ecco quali elementi tenere in conto: 1) La pelle del pesce deve essere elastica: se eserciti una leggera pressione con un dito non deve restare l’impronta; 2) Le branchie devono avere un bel colore rosso vivo; 3) L’occhio non deve essere infossato, nè avere una patina biancastra; 4) Prendi il pesce per la testa e tienilo in posizione orizzontale rispetto al pavimento. Se rimane dritto significa che è freschissimo. Più la coda si piega verso il basso, invece, maggiore è il tempo che è passato da quando è stato pescato.


E’ importante riconoscere quando si tratta di pesce congelato: in linea di massima i filetti e i tranci hanno colori più sbiaditi, i pesci interi riportano delle rotture geometriche delle pinne, mentre i crostacei si presentano con arti e antenne mancanti o rotte.

Capire se ti stanno vendendo un tipo di pesce per un altro è difficile: bisogna fidarsi della denominazione indicata sull’etichetta, che è obbligatoria per legge, e acquistare i prodotti ittici solo in posti di fiducia.

Leggi anche

Linkedin: cos'è Lynda
Guide

LinkedIn: come si può chattare

Tutta la procedura per scoprire il lato "frivolo" di LinkedIn e chattare liberamente con i propri contatti. Abbiamo già parlato di LinkedIn in precedenza: in particolare, vi avevamo illustrato cinque buone ragioni per iscriversi a Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*