Come combattere gli acari in casa COMMENTA  

Come combattere gli acari in casa COMMENTA  

Hai mai pensato che una casa pulita non è necessariamente una casa igienica? Contrariamente a quanto si pensa in genere, togliere lo sporco dalle superfici domestiche non equivale ad igienizzare. Germi e batteri, infatti, non si vedono ad occhio nudo ed il fatto che su una superficie non ci siano macchie non significa che non ci siamo microrganismi. Per questo igiene e disinfestazione sono fondamentali: molti microrganismi, causa di infezioni respiratorie e intestinali, possono sopravvivere per ore o giorni nell’ambiente domestico.


Gli acari, in particolare, sono animaletti invisibili ad occhio nudo presenti nella polvere che ricopre le superfici di casa: lenzuola, materassi, coperte, cuscini, tende, divani, moquette, tappeti, rappresentano l’habitat ideale che gli acari prediligono perchè l’umidità, la temperatura mite e l’abbondanza di nutrimento consentono loro di vivere indisturbati. Questi animali si nutrono di residui alimentari e di cellule che si staccano dallo strato più superficiale della pelle umana. Gli acari della polvere sono spesso causa delle allergie che provocano bruciore agli occhi, riniti, mal di gola, attacchi di asma, tosse.


Ecco qualche consiglio per combattere gli acari che si annidano in casa:

1) Ogni due settimane bisognerebbe avere l’accortezza di scoprire completamente i materassi, sbatterli, girarli e lasciarli all’aria aperta per alcune ore;

2) E’ consigliabile spalancare sempre le finestre di casa al mattino per far ricambiare l’aria egli ambienti domestici;

3) Nel fare il bucato è bene utilizzare un prodotto specifico disinfettante che oltre allo sporco elimini i batteri da lenzuola e federe;

4) Evitare di lasciare in giro per casa residui di cibo e briciole, che attirano gli acari;

5) Spolverare a fondo, almeno una volta alla settimana, utilizzando un panno leggermente umido.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*