Come comprare una TV al plasma

Tecnologia

Come comprare una TV al plasma

plasma
La TV al plasma è uno degli status symbol domestici del nuovo millennio.

Desiderosi di acquistare una TV al plasma? Occhio alla scelta. E alla spesa.

Tra gli status symbol “domestici” del nuovo millennio, il televisore al plasma rimane un investimento serio, che come tale va ponderato attentamente prima di essere affrontato. Dal sito statunitense HowToDoThings.com, solitamente dedito a dispensare consigli decisamente più futili e vacui (scherzi telefonici e così via), arriva finalmente una breve guida su come orientare i propri acquisti. La premessa dell’estensore dell’articolo è decisamente saggia: non sempre costo più alto fa rima con maggiore qualità. E prima di lanciarsi verso l’acquisto è bene fare chiarezza sull’utilizzo che si intende fare del nuovo apparecchio.
Il primo parametro da esaminare è la “taglia” del televisore, da cui verranno poi a essere desunti altri elementi come la definizione. È importante commisurare le dimensioni dell’apparecchio con lo spazio della casa che si intende mettere a disposizione per il nuovo acquisto. Solo in seguito sarà possibile dirimere il dilemma più importante: high definition o no? Se si opta per il sì, bisogna tenere presente che i televisori al di sotto dei cinquanta pollici di diagonale presentano un’alta definizione puramente teorica, dal momento che schermi più “compatti” non permettono di apprezzare la qualità e la pasta dell’immagine.

Per grandezze di poco inferiori ai cinquanta pollici, e in determinate condizioni, suggerisce sempre l’articolo, si può tentare l’acquisto di un più economico televisore EDTV (Enhanced Definition Television, una particolare declinazione della TV digitale, per adesso diffusa soprattutto negli Stati Uniti): posizionato alla giusta distanza, la resa dovrebbe essere pressoché la medesima, o quantomeno molto simile. Infine, prima di affrontare la spesa, conviene sempre considerare l’uso e il dosaggio che si fa della TV: se la si guarda per un tempo ridotto ogni giorno, e non si ha l’abitudine di consumare/collezionare DVD in alta definizione, forse conviene sospendere l’investimento.
Infine, alcune considerazioni di natura statistica. I primi televisori al plasma avevano una durata estremamente limitata, e quando si rompevano non era possibile ripararli a costi relativamente contenuti: bisognava letteralmente disfarsene e acquistarne uno nuovo. La tecnologia ha fatto passi da gigante in tal senso, e ora un TV al plasma di buona qualità arriva a durare 60.000 ore acceso: il che equivale a otto ore al giorno per venti anni, rendendo l’investimento molto più vantaggioso di un tempo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...