Come convivere con la diverticolite COMMENTA  

Come convivere con la diverticolite COMMENTA  

La diverticolite è un disturbo dell’intestino crasso dove sacche sul rivestimento del colon diventano infiammate o infette. La formazione delle sacche è l’iniziale malattia diverticolosi e le sacche sono chiamate diverticoli, una sola sacca diverticolo.

Approssimativamente il 10% degli americani sopra i 40 soffrono di diverticolosi e circa la metà di tutte le persone sopra i 60 ne soffrono. Il divampare della diverticolite può andare da crampi lievi al sanguinamento rettale; delle acutizzazioni gravi richiedono l’ospedalizzazione, antibiotici per endovena e, in casi estremi, un intervento chirurgico.

Si possono prevenire le diverticoliti tramite una corretta alimentazione.

Istruzioni:

  1. Evitare noci, popcorn, semi di sesamo e frutta con semi duri, come fragole, mirtilli e lamponi.

    Questi semi potrebbero rimanere intrappolati nelle sacche (diverticoli) e causare irritazioni che possono infiammarsi e provocare il divampare di una diverticolite. 

  2. Seguire una dieta ricca di fibre per diminuire e prevenire il divampare della diverticolite.
  3. Assumere antidolorifici come prescritto dal medico per alleviare i crampi e il dolore associati alle acutizzazioni minori.

    L'articolo prosegue subito dopo

    Gli antidolorifici possono essere farmaci da banco o con obbligo di prescrizione medica.
  4. Riposarsi e seguire una dieta a base di liquidi e di farmaci per via orale (che potrebbero essere prescritti per alleviare il malessere e permettere di riposarsi e rimettersi) per alleviare i sintomi di un’acutizzazione lieve.

Suggerimenti e avvertimenti:

  1. Quando si è in un fast food, chiedere un panino normale invece di quello con il sesamo.
  2. La chirurgia è necessaria quando una persona ha frequenti acutizzazioni e non risponde agli antibiotici.
  3. Se si pensa di avere la diverticolite chiedere subito assistenza medica. Non bisogna provare a curare questo disturbo o qualsiasi altra malattia da soli senza consultare un medico.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*