Come convivere con la psoriasi COMMENTA  

Come convivere con la psoriasi COMMENTA  

La psoriasi è un misterioso disturbo della pelle, non contagioso, che si manifesta con chiazze rosse e brune con scaglie bianchicce. Queste chiazze appaiono più frequentemente su gambe, ginocchia, gomiti, braccia, cuoio capelluto, orecchie, schiena e unghie. A volte grazia chi ne soffre con periodi di remissione, mentre in alcuni periodi si riacutizza, lasciando perplessi i medici circa le sue cause. Spesso è ereditaria, marchiando tutti i membri di una famiglia, ma a volte salta una generazione. Ecco alcuni consigli per affrontare al meglio questa condizione.


Fai dei bagni lenitivi

I disturbi cutanei hanno reazioni contrastanti quando si fa un bel bagno. E’ vero che le chiazze di pelle ruvida si ammorbidiscono, ma troppa acqua potrebbe anche inaridire la pelle. Metti nell’acqua del bagno un misurino di olio ammorbidente; potrebbe andare bene anche dell’olio di oliva.


Idrata spesso

Chi soffre di psoriasi normalmente ha una pelle secca, quindi usare un buon idratante migliorerà lo stato epidermico. Dopo il bagno applica dosi generose della tua crema preferita. Sulle zone più “bersagliate” applica delle apposite pomate a base di petrolio.


Crogiolati al sole

Spesso i medici prescrivono trattamenti con raggi ultravioletti. Ovviamente, se ne hai la possibilità, invece di farti delle lampade, cerca di prendere il sole naturalmente; in questo modo aiuterai la produzione di vitamina D, grande aiuto nel controllare la psoriasi (Mayo Clinic).

Controlla la tua dieta

Sebbene non esista una dieta specifica per questa condizione, mangiare molta frutta e verdura insieme a pesce ricco di omega-3 (salmone, sardine, sgombro e tonno) aiuta a ridurre l’infiammazione. Esistono anche degli integratori a base di olio di pesce. Se sei vegeteriano, aiutati con olio di semi di lino.

L'articolo prosegue subito dopo


Domina lo stress

La psoriasi è un disturbo difficile da controllare, visto che non se ne conoscono le vere cause, tuttavia è noto che lo stress non aiuti a guarire. Quindi cerca di mantenerti calma e rilassata, facendo esercizi e praticando tecniche che ti aiutino in questa direzione.

Vai dal dermatologo

Se tutti questi rimedi non portano frutti, vai da un dermatologo per un trattamento intensivo. Di solito il medico prescrive trattamenti con luce agli ultravioletti e lozioni per alleviare i disturbi della pelle infiammata. Le pomate al cortisone aiutano, ma possono essere usate solo per brevi periodi, altrimenti sensibilizzano e assottigliano l’epidermide. Si cominciano a praticare anche delle terapie biologiche che sembrano promettenti, approvate dalla FDA (Remicade e Embrel).

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*