Come curare l’allergia all’uovo COMMENTA  

Come curare l’allergia all’uovo COMMENTA  

L’allergia all’uovo è una delle più comuni allergie alimentari, presente specialmente nei bambini, che sviluppano questo tipo di allergia verso i 5 anni. Molte persone sperimentano reazioni allergiche solo verso l’albume, mentre altri reagiscono negativamente al tuorlo. Una diagnosi di quest’allergia può essere effettuata mediante un test cutaneo o un esame del sangue.

Eliminazione

Il trattamento più efficace consiste nell’eliminare qualsiasi contatto con le uova. Dato che le uova sono contenute in molti prodotti che non specificano la presenza di uova tra gli ingredienti, è importante imparare a leggere le etichette e riconoscere i prodotti che contengono uova. Alcuni ingredienti contenenti uova includono globulina, livetina, albumina, ovovitellina e fosvitina. I cibi molto conditi contengono uova, come la ceasar salad e la salsa tartara. Anche le bevande a volte contengono uova, come ad esempio i vini. Si può lavorare con un dietista o un nutrizionista per creare una dieta e discutere delle opzioni alimentari.


Antistaminici

Gli antistaminici sono farmaci ideati per ridurre i sintomi dell’allergia. Alcuni allergologi raccomandano che i loro pazienti assumano giornalmente antistaminici, come Claritin o Allegra, per prevenire le reazioni allergiche prima che si manifestino. Altri pazienti allergici scelgono di prendere antistaminici ad azione rapida, come il Benedryl, prima dell’esposizione all’allergene. Gli antistaminici possono ridurre i sintomi, ma non possono curare l’allergia.


Epinefrina

La forma più grave di reazione allergica è l’anafilassi. I sintomi di una reazione anafilattica includono sonnolenza, vomito, vampate di calore, difficoltà a respirare e perdita di conoscenza.

L’anafilassi deve essere trattata tempestivamente con un’iniezione di adrenalina chiamata epinefrina. Se si soffre di un’allergia grave alle uova, il dottore potrebbe prescrivere un autoiniettore di epinefrina ( con nomi commerciali come EpiPen, Anapen e Twinject) in modo da portarlo con se e utilizzarlo in caso di emergenza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*