Come curare le infezioni dei seni nasali nei cani - Notizie.it

Come curare le infezioni dei seni nasali nei cani

Guide

Come curare le infezioni dei seni nasali nei cani

Un can può avere un’infezione nasale proprio come le persone. I seni sono delle cavità collocate nel cranio del cane e possono essere inclini alla infezioni. Quando si ha un’infezione, queste cavità si riempiono di fluidi e i passaggi nelle cavità nasali diventano irritati e infiammati. Come risultato, i cani con un’infezione nasale possono avere sintomi come tosse, starnuti, naso che cola. Le infezioni nasali possono avere varie cause, compresi funghi, batteri e virus.

Istruzioni

1 Determinate i potenziali irritanti all’interno della vostra casa che possono aver causato un’infezione ai seni nasali. È possibile che nuove sostanze introdotte nella casa abbiano provocato una sinusite allergica. Per esempio, dei nuovi deodoranti per ambienti, profumi oppure la muffa e la polvere possono causare allergia. Anche trattare le piante con un insetticida o usare dei pesticidi all’esterno può provocare delle infezioni ai sei nasali dei cani.

2 Prendete delle misure adeguate quando possibile per alleviare la congestione nasale e far stare meglio il cane.

Assicuratevi che abbia abbastanza acqua. Del brodo di pollo caldo mescolato all’acqua può essere aggiunto al cibo secco per aumentare il consumo di acqua nella dieta. Se il cane dorme in un luogo in particolare, mettetegli accanto un umidificatore, così da inumidire l’aria e dare sollievo alla congestione. Non date al cane dei farmaci per uso umano.

3 Contattate il veterinario se siete preoccupati, la situazione peggiora o il cane ha il naso che sanguina. Il naso che sanguina può essere indice di condizioni di salute più serie. Un’infezione dei seni può causare mancanza di appetito e abbassare i livelli di energia. Il cane potrebbe avere un’infezione virale, che di solito è di breve durata e che non può essere trattata con antibiotici.

4 Seguite le istruzioni del veterinario e dategli i farmaci prescritti. Se la situazione peggiora, il veterinario può eseguire degli esami, come i raggi X.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*