Come detergere la pelle di viso e corpo con radici di zenzero

Guide

Come detergere la pelle di viso e corpo con radici di zenzero

Lo zenzero è originario dell’Asia ed è stato usato per più di 5000 anni nella medicina popolare e in cucina. Ad uso topico, lo zenzero è noto per le sue proprietà tonificanti, il che lo rende un ingrediente favorito per oli e lozioni da massaggio. Quando viene usato sulla pelle del viso può contribuire a ridurre le eruzioni cutanee pulendo i pori ed eliminando le tossine dalla pelle. Lo zenzero è molto utile per ridurre le infiammazioni e per accelerare la guarigione delle cicatrici ed ha inoltre proprietà antifungine, caratteristica che lo rende un ideale modo naturale per curare il piede d’atleta.

Di cosa hai bisogno:

  1. Radici di zenzero fresche
  2. Un coltello
  3. Acqua

Istruzioni:

  1. Con il coltello, raschia leggermente la pelle marrone dello zenzero finché non è completamente rimossa e viene fuori la polpa gialla.
  2. Taglia lo zenzero in pezzi dai 3 ai 12 cm circa di spessore
  3. Lava delicatamente la zona di pelle da trattare
  4. Strofina i pezzi di zenzero sulla zona interessata fino a che sia cosparsa di uno strato leggero di olio
  5. Metti i pezzi di zenzero sulla pelle e lasciali per un massimo di 20 minuti.

Suggerimenti e avvertimenti:

Bagni caldi allo zenzero sono anche utili per il trattamento e il rinvigorimento della pelle del corpo.

Aggiungi i pezzi di zenzero tritati all’acqua della vasca, mescola piccole quantità di oli essenziali per riscaldare l’acqua o usa saponi profumati allo zenzero.

A causa delle proprietà naturali di riscaldamento dello zenzero, potrebbe verificarsi un leggero bruciore nell’uso topico. La sensazione non dovrebbe essere eccessivamente fastidiosa, in caso contrario interromperne immediatamente l’uso. Dopo aver utilizzato le fette di zenzero crudo sulla pelle, questa potrebbe arrossarsi leggermente. In questo caso, pulire accuratamente l’olio in eccesso e lavare il viso con acqua fredda per alleviare il rossore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...