Come dire se la melanzana è andata a male COMMENTA  

Come dire se la melanzana è andata a male COMMENTA  

male

La melanzana è un membro della famiglia delle Solanacee, che comprende anche le verdure come patate, pomodori, peperoni e peperoncino, che vanno a male in modo simile

Composta da quasi 95% di acqua, e per questo va a male facilmente, la melanzana è classificata come un frutto. La melanzana, che viene definita “aubergine” in Francia e in Inghilterra, è nata in India dove rimane la più alta produzione. Cina, Egitto, Giappone e Turchia, inoltre, producono un sacco di melanzane. La melanzana può essere viola brillante o bianca, ma in fondo la melanzana viola è il tipo più comunemente venduto negli Stati Uniti.


Istruzioni:

1. Esaminare la pelle delle melanzane. Se la pelle appare opaca, con cicatrici, o rugosa, o se il colore si è trasformato dal viola scuro-marrone al marrone semplicemente, potrebbe non essere adatta per mangiare.

2. Guarda il fusto e il cappuccio della melanzana. Dovrebbero apparire verdi e freschi. Se sono marroni, la melanzana può essere troppo amara.

3. Toccare la melanzana per verificare la presenza di punti deboli. Una melanzana fresca è soda al tatto. Punti deboli sono un indice di sovra-maturazione o muffa. L’Università dell’Illinois suggerisce di premere con il pollice sulle melanzane. Se la pressione del pollice lascia un solco, la melanzana è troppo matura.

Note

La University of Illinois raccomanda la refrigerazione delle melanzane – avvolte in plastica – per non più di 1- 2 giorni. Per mantenere le melanzane per periodi più lunghi, Food Reference suggerisce la sbollentatura ,  mettendola poi nel freezer per non più di sei mesi.

L'articolo prosegue subito dopo


Come preparare le melanzane

Leggi anche

Quattro ricette di antipasti dolci
Cucina

Quattro ricette di antipasti dolci

Quattro ricette di antipasti dolci. Ecco alcune ricette buone e interessanti per sorprendere i vostri tavoli con deliziosi antipasti a tavola. Antipasti dolci: quattro ricette. Per sorprendere i vostri ospiti con degli antipasti alternative, ecco Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*